Ultimo aggiornamento alle 20:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La cerimonia

Piantedosi ad Africo inaugura la caserma dei carabinieri nella villa dei boss – FOTO

Il ministro dell’Interno ha presenziato alla cerimonia. Presenti, tra gli altri il comandante dell’Arma Luzi, il sottosegretario Ferro e Occhiuto

Pubblicato il: 30/05/2023 – 12:25
di Mariateresa Ripolo
Piantedosi ad Africo inaugura la caserma dei carabinieri nella villa dei boss – FOTO

AFRICO È una Africo blindatissima quella che ha accolto questa mattina il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. In prima fila, insieme a lui sul palco, il comandante generale dell’Arma il generale di Corpo d’Armata Teo Luzi, il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro, il presidente della Regione Roberto Occhiuto, il comandante provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria il colonnello Marco Guerrini, il prefetto di Reggio Calabria Massimo Mariani, il sindaco Domenico Modafferi. Al seguito diversi rappresentanti istituzionali e militari, regionali e nazionali. L’assenza della premier Giorgia Meloni era stata anticipata nelle ore scorse e confermata dal mancato comunicato che di consueto viene emesso in caso di visita, dopo il frettoloso annuncio della presenza della leader di Fratelli d’Italia da parte del primo cittadino (con conseguente smentita). L’occasione è assai significativa: l’inaugurazione della nuova caserma dei carabinieri del centro aspromontano, là dove la presenza asfissiante della ‘ndrangheta viene raccontata dalle centinaia di pagine delle inchieste della Dda reggina e non solo. Investigatori di tutto il mondo hanno cooperato per chiudere il cerchio sull’inchiesta “Eureka”, che lo scorso 3 maggio ha portato a 108 arresti e che ha permesso, tra le altre cose, di ricostruire la fuga di Rocco Morabito, tra i più importanti trafficanti internazionali di droga al mondo ed esponente di spicco della ‘ndrangheta di Africo.

La nuova caserma in una villetta confiscata alla ‘ndrangheta

Nelle disponibilità prima del Comune e poi della Diocesi, la nuova stazione dei carabinieri si trova in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta, una villetta a due piani di cinquecento metri quadrati confiscata nel 2005 alla cosca Morabito-Palamara-Bruzzaniti. Nel 2007 l’edificio venne assegnato al Comune, che lo trasferì alla Diocesi di Locri per farne un centro di aggregazione. Nel 2016 la struttura venne inaugurata come Centro, che però non ha mai avviato la sua attività. Nel 2021 i carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno chiesto alla Curia vescovile di Locri ed alla Commissione straordinaria che all’epoca gestiva il Comune l’assegnazione dell’immobile per realizzarvi la nuova caserma. A quel punto è intervenuta la Regione, che ha finanziato la ristrutturazione dell’immobile. In attesa della definizione della procedura e per non lasciare mai il territorio senza un presidio dell’Arma, i carabinieri hanno utilizzato come Stazione prima la vecchia struttura, chiusa parzialmente poiché pericolante, e da dicembre scorso i nuovi locali, la cui ristrutturazione si è conclusa. La Stazione, inoltre, è stata riportata al suo organico completo da parte del Comando Legione Calabria. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x