Ultimo aggiornamento alle 6:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il trofeo

Festa grande al “Maradona” per lo scudetto del Napoli

La vittoria con la Samp conclude il campionato: Squadra premiata sul palco

Pubblicato il: 04/06/2023 – 22:10
Festa grande al “Maradona” per lo scudetto del Napoli

NAPOLI La partita con la Sampdoria è stata solo un’anteprima dello spettacolo e della grande festa che è andata in scena dopo il match. E’ finita con la vittoria degli azzurri (2-0) con gol nella ripresa di Osimhen su rigore e di Simeone nel finale, con un gran tiro dalla distanza, in un clima che è a metà tra lo sport e il grande show. Al Maradona, uno stadio gremito, lo spettacolo comincia prima ancora della partita, con la premiazione di Luciano Spalletti, miglior allenatore del campionato («Un premio che voglio condividere coi miei calciatori, i collaboratori e tutti voi tifosi, grazie del supporto»), di Di Lorenzo, miglior difensore, e poi Osimhen, miglior attaccante, e Kvaratskhelia, miglior giocatore della stagione. Poi si scende in campo, ma prima che venga messa la parola fine al trionfale campionato degli azzurri, ci sono due momenti di grande coinvolgimento per i calciatori in campo e per tutto lo stadio. A sei minuti dal triplice fischio Simeone, da poco entrato al posto di Osimhen, segna un bellissimo gol con una conclusione dalla distanza e subito l’argentino corre verso la tribuna, mostrando la maglia azzurra numero 10 che indica alla moglie del Pibe de Oro, Claudia Villafane, presente in tribuna d’onore. A un minuto dalla fine, poi, c’è il tributo di tutto lo stadio a Fabio Quagliarella che viene sostituito e che a 40 anni lascia i campi di serie A. Il calciatore già durante il riscaldamento aveva ricevuto una targa da parte dei tifosi che in curva A lo avevano salutato con uno striscione («Di Partenope figlio orgoglioso, dal passato beffardo al presente glorioso, sulla nostra maglia il tuo sudore impregnato, dalla tua gente non sarai mai dimenticato. Grazie Fabio»). Quagliarella si commuove, salutato dai cori del ‘Maradona’, lo stadio dove ha giocato nella stagione 2009-2010, segnando 11 gol. Ma è dopo il fischio finale dell’arbitro Feliciani che esplode come un boato la festa, trasmessa in diretta da RaiDue, alla quale possono assistere oltre che i 55 mila spettatori del ‘Maradona’ anche decine di migliaia di persone assiepate in quattro piazza napoletane – come a Scampia, davanti alle Vele – e in quelle di 17 centri della provincia (proteste da Giugliano, 125 mila abitanti: «perché da noi no?»). 

La festa al Maradona

Il clou della serata si svolge su un grande palco montato davanti alla tribuna, mentre 11 maxischermi mandano in onda le immagini visibili in ogni angolo dello stadio. Alla presenza del ministro per lo Sport, Andrea Abodi, del presidente della Lega Calcio, Lorenzo Casini e dell’ad di Tim, Pietro Labriola, dopo la premiazione con la medaglia dei calciatori della rosa, di Luciano Spalletti, di Cristiano Giuntoli del presidente De Laurentiis e di tutti i dirigenti, i dipendenti e i collaboratori della società, il capitano Giovanni Di Lorenzo solleva la coppa. Uno spettacolo pirotecnico accompagna la gioia della squadra che solleva e bacia il trofeo. Poi comincia lo spettacolo, presentato da Stefano De Martino: cantanti e attori si esibiscono in una notte di festa e di commozione per i tifosi del Napoli, che esultano in piazza Plebiscito, a largo Maradona, ovunque. Del resto, quella del Napoli è stata davvero un’impresa, sportiva e non solo. Successo strepitoso con un po’ di malinconia. Per il mancato giro per la città con il bus scoperto che avrebbero tanto desiderato i tifosi. E perché lascia Spalletti, il condottiero vittorioso (che assicura: da casa farò sempre il tifo per il Napoli. Non gufo!’). Ma è comunque festa. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x