Ultimo aggiornamento alle 12:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

opere pubbliche

«Occorre essere celeri nell’approvare la perizia di variante per l’ospedale della Sibaritide»

La segretaria della Feneal Uil Calabria Senese: «C’è il rischio di trovarci di fronte all’ennesima incompiuta»

Pubblicato il: 04/06/2023 – 10:04
«Occorre essere celeri nell’approvare la perizia di variante per l’ospedale della Sibaritide»

LAMEZIA TERME “La Regione Calabria ha trasmesso il 15 marzo 2023 l’ordine di servizio al concessionario, ordinando di trasmettere entro il 29 maggio, la perizia di variante. La D’Agostino costruzioni il 29 maggio ha consegnato puntualmente la perizia.  Perizia di variante che ha la funzione di evidenziare le variazioni di natura tecnica ed economica rispetto al progetto esecutivo approvato. Stiamo parlando dei lavori del nuovo ospedale della Sibaritide.  Un’opera per la cui realizzazione definitiva i tempi stanno diventando stringenti ed il rischio di trovarci di fronte all’ennesima incompiuta, all’ennesima cattedrale nel deserto, sempre più presente. Lo scrive la segretaria generale della Feneal Ui Calabria, Maria Elena Senese. “Entro il 28 giugno, infatti, la Regione – spiega la Senese – dovrà acquisire i pareri di alcuni enti, obbligatori per legge (ad esempio Vigili del fuoco e Asp). Le eventuali prescrizioni da parte degli enti indurranno la D’Agostino a fare integrazioni alla perizia. L’impresa ha 15 giorni di tempo, a decorrere dal 28 giugno, per fare le suddette integrazioni ma non solo, anche per consegnare gli elaborati economici analitici. Quindi un computo metrico di partenza è stato già fatto e consegnato insieme alla perizia di variante ma è necessario aspettare le prestazioni degli enti per avere un quadro economico definitivo. Questi sono i passaggi fisiologici, forti di termini perentori. Ricordiamo che il quadro economico iniziale era di 144 milioni di euro per 376 posti letto ma ad oggi tale ammontare pare essersi quasi raddoppiato. Sbagliato dire che la realizzazione dell’ospedale della Sibaritide, sta scontando l’anomalo andamento dei prezzi e l’incremento del costo dei materiali da costruzione. Non è stato solo questo a determinare la lievitazione dell’importo iniziale dell’appalto ma – rimarca la segretaria della Feneal Uil Calabria – è sopraggiunto il decreto covid il quale ha imposto una variante nel progetto già approvato legata ad un ampliamento della terapia intensiva.  Nella perizia di variante l’impresa ha curato anche l aspetto dell’efficientamento energetico alla luce della norma 2021. Proporrei una volta acquisiti i pareri nelle more di approvazione della perizia, di iniziare a sbloccare i lavori, stante la volontà politica di completare l’ospedale. Sarebbe dannoso in termini organizzativi, tecnici e soprattutto di risorse umane allungare i tempi di riapertura del cantiere. Ricordiamo – conclude la Senese – che la sospensione parziale dei lavori risale a marzo, pertanto occorre essere celeri nell’approvare quella perizia, soprattutto dal punto di vista economico/finanziario”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x