Ultimo aggiornamento alle 22:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 9 minuti
Cambia colore:
 

il fatto

Tentano di incendiare il portone del suo studio legale, intimidazione al sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti

Intervento di vigili del fuoco e carabinieri: rinvenuta una tanica di benzina, certa la natura dolosa. Tanti attestati di solidarietà

Pubblicato il: 04/06/2023 – 11:54
Tentano di incendiare il portone del suo studio legale, intimidazione al sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti

VILLA SAN GIOVANNI Ignoti hanno tentato di incendiare il portone dello studio legale della sindaca di Villa San Giovanni Giusy Caminiti. L’episodio è avvenuto nella serata di ieri in via Umberto I dove Caminiti, che oltre a essere prima cittadina è anche avvocata, ha il suo studio professionale. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri che hanno rinvenuto la tanica di benzina utilizzata per portare a termine l’intimidazione. Proprio per questo non ci sono dubbi sulla natura dolosa del principio di incendio. Le fiamme, comunque, non hanno danneggiato l’ingresso dello studio legale dotato anche di alcune telecamere che adesso sono al vaglio degli investigatori. Non è escluso, infatti, che l’impianto di videosorveglianza e le telecamere della zona abbiano registrato il soggetto che ha commesso il gesto. Del fatto è stata avvertita la Procura della Repubblica di Reggio Calabria  guidata da Giovanni Bombardieri che ha avviato le indagini sull’intimidazione. (Ansa)

Giusy Caminiti, sindaco di Villa San Giovanni

«Non arretreremo di un millimetro»

«Il vile e inqualificabile atto intimidatorio perpetrato ai danni del nostro sindaco avvocato Giusy Caminiti rappresenta un atto delinquenziale nei confronti di tutta la comunità villese e tenta invano di condizionare l’operato di una amministrazione, insediatasi da meno di un anno, che fa del rispetto della legalità e del dialogo sano con la Città il fondamento della propria azione amministrativa e politica. Confidiamo nell’operato prezioso delle Forze dell’Ordine, che abbiamo sentito sempre presenti anche nei mesi scorsi e che anche stavolta prontamente sono intervenute per raccogliere i primi possibili indizi di reato. Ci auguriamo che i responsabili del gesto delinquenziale vengano presto assicurati alla giustizia. Per quanto riguarda la nostra azione politica e amministrativa, non arretreremo di un millimetro rispetto a quella che pensiamo essere la visione di una comunità aperta e che guarda con fiducia al futuro».  Così su facebook l’amministrazione comunale di Villa San Giovanni.

La solidarietà del Pd

Il Pd Calabria esprime in una nota «massima vicinanza e solidarietà al sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti dopo il vile gesto intimidatorio subito nelle scorse ore. Il tentativo doloso, da parte di ignoti, di incendiare il portone di ingresso dello studio legale del primo cittadino, va condannato con estrema forza e rappresenta tutto quello contro cui il Pd si batte con il quotidiano impegno a difesa e sostegno della legalità. Confidiamo che, grazie all’impegno delle Forze dell’Ordine e della Procura di Reggio Calabria, presto si faccia luce su quanto accaduto e che l’autore del gesto possa essere assicurato alla giustizia. Nel frattempo siamo certi che Giusy Caminiti non si farà intimorire e proseguirà con lo stesso impegno di sempre nella sua attività amministrativa nell’interesse della comunità villese. Con la certezza di  di potere contare pienamente sul sostegno del Pd ad ogni suo livello».

La solidarietà di Fratelli d’Italia

«Atto indegno ed inqualificabile quello perpetrato ai danni del Sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti». Queste le parole del commissario Denis Nesci, del coordinamento provinciale e dei circoli Fdi dell’area metropolitana di Reggio Calabria. «Minacciare un sindaco vuol dire colpire tutta la sua comunità. Disprezzo e condanna per chi, con la complicità del buio della notte, tenta di destabilizzare processi democratici e virtuosi costruiti sul paradigma della legalità. Senza se e senza ma, siamo al fianco di Giusy Caminiti. Esprimo la mia personale vicinanza e quella del partito Fratelli d’Italia, certi che questa azione intimidatoria non rallenterà il percorso politico ed amministrativo per il quale i cittadini villesi le hanno dato ampio mandato».

La solidarietà della Città Metropolitana di Reggio

«Piena ed incondizionata solidarietà e totale vicinanza al Sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti, alla sua famiglia e a tutta l’Amministrazione comunale villese. L’incendio al portone dello studio del Sindaco è un fatto gravissimo che va stigmatizzato con forza e determinazione. Ancora una volta purtroppo le forze oscure che attanagliano la nostra terra si palesano in un gesto violento volto a fermare l’azione riformatrice e progressista di un’Amministrazione brillante e volitiva come quella di Villa San Giovanni. Conosciamo la determinazione di Giusy Caminiti e sappiamo che il Sindaco, insieme a tutta la sua squadra, non arretrerà di un millimetro, continuando la sua attività di servizio nei confronti della comunità villese, in queste ore colpita e sconvolta da questo assurdo gesto». Così in una nota il sindaco facente funzioni della Città Metropolitana di Reggio Calabria Carmelo Versace esprime, anche a nome dell’intero Consiglio metropolitano, la piena solidarietà dell’Ente nei confronti del Sindaco di Villa San Giovanni Giusy Caminiti.

La solidarietà della minoranza consiliare

«Il grave gesto compiuto nei confronti del sindaco Giusy Caminiti, alla guida della città da Giugno 2022, rappresenta l’ennesima dimostrazione di una vera arretratezza culturale in cui versa una parte del territorio villese e non solo purtroppo. Così il gruppo consiliare Villa in Comune,con i consiglieri Marco Santoro, Filippo Lucisano, Daniele Siclari, Stefania Calderone e Domenico De Marco, che congiuntamente al Partito di Forza Italia cittadino a voce del coordinatore Daniele Siclari e del Vice Domenico De Marco, esprimono massima solidarietà e vicinanza al sindaco Caminiti che con questo ignobile gesto ha visto turbare non solo la serenità familiare ma anche il suo impegno istituzionale. In questi 12 mesi di suo mandato amministrativo il consiglio comunale, nella corretta contrapposizione dei ruoli,non ha mai scalfito il giusto rispetto istituzionale e personale di ogni singolo componente consiliare. Proprio in virtù di tutto ciò, non possiamo che condannare un modus operandi che nel nostro territorio regionale e provinciale, troppe volte vede l’amministratore di turno oggetto di attenzioni assolutamente sgradevoli a causa di ignobili mani che nel buio notturno si permettono di “minacciare” i percorsi amministrativi e istituzionali di una intera comunità».

La Fondazione Antonino Scopelliti accanto a Giusy Caminiti

«La Fondazione Antonino Scopelliti si stringe intorno al sindaco di Villa San Giovanni, Giusy Caminiti. Una donna delle Istituzioni integra e di valore, una professionista seria e coerente. Siamo certi che questo atto intimidatorio non fermerà il suo operato, né la scoraggerà nel portare avanti il suo progetto per la città di Villa San Giovanni.
Siamo accanto a lei e ai villesi oggi più che mai perché intimidire un sindaco è tentare di intimidire una intera comunità. A Giusy, al sindaco, rinnoviamo la più viva e sincera solidarietà. Insieme continueremo a fare grandi cose, insieme continueremo a lavorare per una Calabria libera da violenza e sopraffazione, capace di trovare riscatto negli esempi e prospettive nell’impegno di ciascuno».

L’associazione dei comuni dell’Area dello Stretto: «Sindaco, siamo al suo fianco»

«Esprimiamo vicinanza e solidarietà nei confronti del sindaco di Villa San Giovanni, Giusy Caminiti, per il vile gesto intimidatorio rivolto al suo indirizzo. In attesa che le autorità competenti possano presto fare luce sull’inquietante fatto, vogliamo che lei sappia che non è, e non sarà mai sola nella battaglia contro l’illegalità in tutte le sue forme e nel contrasto ad ogni forma di abuso che danneggia l’immagine del territorio e penalizza i cittadini onesti». Lo si legge in una nota diffusa dall’Associazione dei comuni dell’Area dello Stretto per nome del suo presidente Michele Spadaro. «Non è possibile, ancora oggi – prosegue la nota – assistere a certe azioni insensate e ricevere intimidazioni per la propria attività amministrativa. Noi siamo al fianco di Giusy e al fianco di chiunque subisce o subirà minacce. Essere solidali, però, può anche non bastare. Occorrono azioni concrete, disposizioni mirate per non lasciare soli gli amministratori nella loro attività quotidiana». «Quanto accaduto – si legge infine nella nota – non fermerà le sue azioni, non la spaventerà e non ridurrà il suo impegno, che proseguirà con ancora maggiore determinazione». Per tali motivi, e per mostrare ancora una volta di più vicinanza e solidarietà, nei prossimi giorni sarà convocata, con carattere d’urgenza una assemblea dell’associazione dei comuni dell’Area dello Stretto che si svolgerà proprio nel comune di Villa San Giovanni. 

Anci Calabria: «Si attivino le misure di protezione»

Anci Calabria, è scritto in una nota, «si unisce al coro dei tantissimi sindaci che hanno immediatamente ufficializzato in forma distinta vicinanza e solidarietà al sindaco di Villa San Giovanni, Giusy Caminiti». «Attraverso le parole del vicepresidente vicario Carmelo Panetta – prosegue la nota – la sezione regionale dell’Associazione nazionale comuni italiani esprime il massimo sostegno assicurando concreta attenzione sulla vicenda per incoraggiare l’amministrazione villesse accompagnandola ad andare avanti. Le modalità organizzative e attuative del vile attentato, per come appreso, suscitano grande timore e preoccupazione, dando la palese impressione che l’azione sia stata cinicamente concepita e svolta con intenti senz’altro intimidatori e di condizionamento». Anci Calabria «stigmatizza tale vile atto propugnando la libera facoltà degli amministratori di esercitare lecitamente il proprio mandato con la serenità e sicurezza che gli organi dello Stato preposti devono garantire. Crediamo fortemente nella trasparenza, per questo bisogna salvaguardare il lavoro di chi rappresenta le nostre comunità con piena aderenza ai principi della legalità. Come Associazione regionale dei comuni intendiamo chiedere al Prefetto di Reggio Calabria di valutare con urgenza l’accaduto affinché le attività investigative possano assicurare in tempi brevi che i responsabili vengano individuati e puniti». «Si chiede, inoltre – conclude la nota – che venga valutata anche la possibilità di adozione delle più opportune misure di protezione e sicurezza a tutela del sindaco Caminiti. I vertici di Anci Calabria parteciperanno, anche in presenza, alle iniziative istituzionali che certo seguiranno per rendere visibile la reazione e la condanna del vile attentato».

Caronte & Tourist: «Hanno sbagliato bersaglio»

Solidarietà al primo cittadino di Villa San Giovanni anche dalla Caronte & Tourist, società di traghetti da e per la Sicilia. «Prendiamo atto con desolata sorpresa della persistente esistenza di residue sacche di primitivismo in aree del nostro Paese che per il resto – grazie all’impegno l’entusiasmo e le competenze della stragrande maggioranza – si preparano invece ad accettare scommesse epocali e ad affrontare da protagonisti appuntamenti di importanza decisiva. Siamo vicini al sindaco e ai cittadini di Villa che ella ha fin qui saggiamente e degnamente rappresentato. Chi ancora pensa di poter far politica agendo nelle tenebre, usando le armi infami della minaccia e della intimidazione ha sbagliato epoca e – in questo caso – crediamo anche bersaglio. Sappia il sindaco Caminiti – conclude la nota di C&T – che i mondi vitali, le centinaia di migliaia di persone che hanno a cuore un futuro di crescita e di benessere per tutti, al di qua e al di là dello Stretto, sono in questo momento idealmente con lei».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x