Ultimo aggiornamento alle 16:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la visita

Il vescovo Savino sui cantieri della statale 106 dopo gli attentati della ‘ndrangheta

Il presule incontrerà i manager di Webuild e gli operai per prendere posizione contro l’escalation criminale nella Sibaritide

Pubblicato il: 18/06/2023 – 14:39
Il vescovo Savino sui cantieri della statale 106 dopo gli attentati della ‘ndrangheta

VILLAPIANA Intimidazioni nei cantieri del Terzo Megalotto della nuova statale jonica, il Vescovo Francesco Savino, ancora una volta ci mette la faccia. Il vice presidente della Cei infatti, sarà giovedì prossimo nel campo base di Villapiana Scalo, per manifestare personalmente la propria solidarietà e vicinanza alle aziende, ai tecnici, e agli operai che lavorano nel più grande cantiere attualmente presente nel territorio italiano.
L’appuntamento nel quartier generale della Webuild Sirjo è per le 12.30. Monsignor Savino sarà accolto dall’ingegnere Salvatore Lieto, amministratore delegato di Sirjo Scpa- Webuild Ss Jonica, dagli altri vertici del contraente generale e dalle maestranze. Non è la prima volta che l’alto presule bitontino farà tappa nei cantieri della statale 106.
Il Vescovo ha deciso di esserci e far sentire forte la sua voce, il suo grido d’allarme, alla luce degli ultimi atti intimidatori ospitati sul cantiere del Terzo megalotto della statale, con ignoti che nella notte tra il 9 e 10 giugno scorso, hanno incendiato due mezzi  meccanici, un  merlo sollevatore telescopio e un’escavatore parcheggiati in un cantiere sito sul lato nord del torrente Raganello.
Identico scenario il 25 maggio scorso, quando invece era stata data alle fiamme una gru cingolata che si trovava nel cantiere di contrada Fornara, sempre in agro di Cassano allo Ionio. Un’escalation criminale, una serie di attentati incendiari che hanno scosso e non poco il Vescovo, che ha deciso, senza batter ciglio, come peraltro ha sempre fatto, al suo ritorno da Roma dove sarà impegnato in Vaticano, di far visita ai cantieri per lanciare un messaggio forte e preciso contro questo fenomeno criminale inquietante, che in meno di venti giorni ha attenzionato ben due volte i mezzi utilizzati per i lavori di costruzione dell’importante arteria stradale che dall’innesto tra la Statale Jonica con la Strada Statale 534 a Roseto Capo Spulico, si estende per 38 chilometri. Grazie a quest’opera che costerà 1,3 miliardi di euro, somma evidentemente assai appetibile per le ‘ndrine, il Corridoio Ionico andrà incontro a una vera trasformazione, diventando un’infrastruttura stradale di grande comunicazione. Nei giorni scorsi il prefetto di Cosenza Vittoria Ciaramella ha convocato Anas, Webuild Sirjo e le forze dell’ordine per un vertice in Prefettura, per la salvaguardia della sicurezza dei lavoratori dagli atti intimidatori della microcriminalità organizzata.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x