Ultimo aggiornamento alle 7:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il fatto

Lavori sulla Trasversale delle Serre, dipendenti Anas a giudizio. Danno erariale di 18,5 milioni di euro

Ai tecnici viene imputata l’omessa adozione di iniziative, anche di vigilanza e di controllo, sulla corretta esecuzione dell’opera, nonché la lievitazione dei costi di realizzazione

Pubblicato il: 13/07/2023 – 11:07
Lavori sulla Trasversale delle Serre, dipendenti Anas a giudizio. Danno erariale di 18,5 milioni di euro

CATANZARO Gli ufficiali giudiziari di Catanzaro e di Cosenza, con l’ausilio dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, hanno notificato l’atto di citazione in giudizio, emesso dalla Corte dei Conti – Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale per la Calabria (attività coordinata dal Procuratore Regionale Romeo Ermenegildo Palma e dal Vice Procuratore Generale Giovanni Di Pietro) nei confronti di quattro professionisti, tre dipendenti in servizio e un ex dipendente dell’Anas, già Responsabili Unici del Procedimento e Direttore dei Lavori dell’appalto per la realizzazione dei lavori di adeguamento della Strada Statale 182 (Trasversale delle Serre), nel tratto di 21 chilometri compreso tra i comuni di Argusto (Catanzaro) e Serra San Bruno (Vibo Valentia). Ai tecnici viene imputata l’omessa adozione di iniziative, anche di vigilanza e di controllo, sulla corretta esecuzione dell’opera, la lievitazione dei costi di realizzazione e un danno erariale di 18,5 milioni di euro. Gli interventi erano stati appaltati nel 2005 dall’Anas ad un’Associazione Temporanea di Imprese del settore, per l’importo di 123 milioni di euro e conclusione a gennaio 2008 ed invece – a seguito di reiterate proroghe, sospensioni, e di due accordi bonari e di due varianti in corso d’opera nel 2010 e nel 2012 – sono costati ad oggi 191 milioni di euro e sono stati ultimati ad aprile 2017 dopo 12 anni. Gli accertamenti, svolti con la preziosa e qualificata collaborazione degli specialisti del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catanzaro della Guardia di Finanza, hanno evidenziato, in generale, la sussistenza di gravi lacune nel progetto inziale, nonché nelle fasi esecutive e di gestione dell’intervento da parte dell’impresa aggiudicataria. L’esito delle indagini ha ulteriormente evidenziato che la necessità di ricorrere alle varianti è stata significativamente determinata dalla necessità di sopperire alle gravi carenze del progetto da mettere in esecuzione. Né i professionisti convenuti avrebbero assunto negli anni le iniziative necessarie a tutelare l’interesse dell’amministrazione committente a fronte degli inadempimenti dell’appaltatore e, così operando, avrebbero concorso all’aumento dei costi. In particolare, le carenze di rilevanti aspetti progettuali di opere indispensabili per la funzionalità dell’infrastruttura (e non previste in sede di redazione del progetto) non sarebbero state oggetto né di preventiva valutazione da parte dei tecnici, né a fronte delle varianti resesi necessarie, delle obbligatorie iniziative per la salvaguardia dell’interesse pubblico. L’azione intrapresa si inserisce nell’ambito della più ampia attività di verifica dei pubblici appalti avviata dalla Procura contabile con la preziosa collaborazione della Guardia di Finanza, finalizzata ad evitare che il dispendio di risorse si rifletta sulla qualità generale dei servizi pubblici resi alla collettività.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x