Ultimo aggiornamento alle 10:53
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

“tolleranza zero”

Depurazione, Occhiuto: «Alcuni Comuni si stanno muovendo, ai sindaci chiedo di essere un po’ più propositivi» – VIDEO

Il governatore sui social lancia un nuovo appello: «L’ambiente è il nostro petrolio, va difeso dalla stupidità di chi inquina il mare e incendia le montagne»

Pubblicato il: 22/07/2023 – 14:32
Depurazione, Occhiuto: «Alcuni Comuni si stanno muovendo, ai sindaci chiedo di essere un po’ più propositivi» – VIDEO

CATANZARO «Stiamo lavorando, stiamo facendo molte cose: non basta, io ne sono cosciente per primo, c’è molto da fare, voglio farlo ma vorrei che anche i calabresi mi aiutassero consolidando nei loro amici e in loro stessi una migliore coscienza ambientale perché la Calabria ha nell’ambiente il suo petrolio». Così su facebook il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, che fa il punto della situazione dalla sala operativa dei droni su depurazione e incendi, sui quali conferma la linea della “tolleranza zero”.

«Chiedo ai sindaci di essere un po’ più propositivi»

«Non possiamo consentirci e non possiamo consentire – spiega Occhiuto – che la Calabria bruci questa ricchezza straordinaria che è la montagna. Sulla Rai, nella trasmissione che parlava dei nostri boschi, abbiamo fatto due milioni di spettatori perché abbiamo montagne bellissime che dobbiamo difendere dalla stupidità dei piromani. Stupidità però non è solo quella di chi brucia le montagna, ma anche quella di coloro che inquinano il mare con gli scarichi illegittimi. Noi stiamo facendo funzionare i depuratori e sto mandando persone che ogni giorno controllano che i depuratori stiano funzionando nella province di Vibo, Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, nella fascia del Tirreno dove il mare è più sporco, e i depuratori li stiamo facendo funzionare con il filo di ferro. Li dovrebbero far funzionare i Comuni, la Regione sta svolgendo una azione di supporto. Abbiamo fatto una ordinanza che ribadisco non si poteva fare prima perché l’ordinanza ha come presupposto l’urgenza di tutelare la salute dei bagnanti, che non ci sono a febbraio, altrimenti può essere impugnata. Questa ordinanza era per aiutare i sindaci a fare i controlli e devo dire che molti sindaci hanno risposto, alcuni bravissimi, ci hanno mandato persino i verbali perché hanno beccato scarichi abusivi. Altre cose le abbiamo fatte noi grazie anche al contributo dei carabinieri, come gli scarichi nell’area di Lamezia-Sir, ma questi scarichi devono essere controllati soprattutto dai Comuni. Alcuni Comuni – sostiene Occhiuto – si stanno muovendo, hanno fatto il piano degli interventi, ce ne sono alcuni molto operativi a esempio Santa Maria del Cedro, altri ci hanno chiesto aiuto, e lo stiamo dando. Altri Comuni no. Ci sono anche i sindaci che forse questa sensibilità nei confronti del mare e della depurazione non ce l’hanno. Ecco, siccome ho deciso di impegnarmi in questa direzione e lo sto facendo anche con tanta fatica – credo che mai la Regione abbia messo a disposizione tante risorse ai Comuni per controllare la qualità del mare –  allora chiedo ai sindaci di essere un po’ più propositivi. Noi gli diamo tutto l’aiuto di cui hanno bisogno, sul piano delle risorse ed economico però anche quelli che non hanno ancora risposto rispondano perché per noi è fondamentale che sul territorio ci sia un controllo capillare degli scarichi abusivi».

«L’ambiente è il nostro petrolio»

Secondo Occhiuto «l’ambiente è il nostro petrolio, è la risorsa di sviluppo della Calabria, e va difeso dalla stupidità di chi inquina. Io ci sto provando da un anno e mezzo ma aiutatemi a farlo.  So bene che c’è molto da fare ancora, perché ancora in Calabria il 40% della popolazione non è attaccata alla depurazione e molti smaltiscono illegittimamente inquinando il mare, una regione dove spesso non si ha cura delle montagne, però ogni tanto vorrei che chi critica – e fa bene a criticarmi perché mi stimola – ricordasse com’era l’ambiente prima che io facessi il presidente. In questo periodo c’erano  rifiuti per strada in ogni Comune, un mare sporco sempre, incendi che divampavano un tutta la regione, da un anno e mezzo a questa parte è la regione con meno incendi. Stiamo lavorando, stiamo facendo molte cose: non basta, io ne sono cosciente per primo, c’è molto da fare, voglio farlo ma – conclude il presidente della Regione –  vorrei che anche i calabresi mi aiutassero consolidando nei loro amici e in loro stessi una migliore coscienza ambientale perché la Calabria ha nell’ambiente il suo petrolio». (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x