Ultimo aggiornamento alle 6:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la replica

«Il Pd ha la sindrome di Calimero, la smetta con la politica della lagna»

I capigruppo del centrodestra alla Regione: «Sulla riforma dei Consorzi dem incapaci di essere in asse con la Calabria»

Pubblicato il: 05/08/2023 – 7:22
«Il Pd ha la sindrome di Calimero, la smetta con la politica della lagna»

REGGIO CALABRIA «Il gruppo regionale del Pd sta  subendo la sindrome di Calimero. Ogni qualvolta il Consiglio approva un provvedimento legislativo senza il suo voto (il che accade spesso) assume un atteggiamento vittimistico e  si sfoga con alti lamenti, nella speranza di riscattare così la negligenza progettuale e gli insuccessi istituzionali agli occhi dei calabresi. Definire ‘pagina buia’ la nuova normativa sui Consorzi di bonifica, vuol dire che o  non si rendono conto della straordinaria  portata di una riforma (sostenuta da importanti risorse) per un settore che ha un enorme impatto economico e sociale ma che da anni versa in difficoltà; oppure che la deriva populista del nuovo corso del Pd, il cui unico obiettivo è strappare consenso ai 5Stelle in vista delle elezioni per l’Europa,  impone anche al Gruppo consiliare calabrese di esasperare la polemica per competere sul terreno dell’antipolitica sloganista e generalista. La Calabria però non ha bisogno di contrapposizioni pregiudiziali, ma di proposte organiche che assicurino ai cittadini soluzioni ai problemi. Come stiamo facendo noi dall’inizio della legislatura, grazie alla determinazione del presidente Occhiuto, all’equilibrio istituzionale del presidente Mancuso e alla coesione del centrodestra che sta introducendo forti innovazioni legislative, per assicurare alla Calabria  il diritto al futuro che il centrosinistra al governo, del Paese e della Regione, gli ha sempre negato». Lo affermano i capigruppo del centrodestra in Consiglio regionale. «Invitiamo il Gruppo del Pd – proseguono i capigruppo di centrodestra – a evitare la politica delle lagne e a porsi nel confronto istituzionale con idee e proposte utili alla Calabria. Sicuri, infine, che per la riforma dei Consorzi  sarà com’è accaduto con la legge istitutiva dell’Azienda ‘Dulbecco’. In Aula il Pd votò contro quella legge. Salvo, una volta smessi i paraocchi ideologici e resosi conto del colossale errore nel contrastare una legge fondamentale per la sanità calabrese, diventare uno dei sostenitori più intransigenti dell’integrazione dei due ospedali catanzaresi. Non dubitiamo che, anche stavolta, elaborata una riflessione autocritica, sia sugli sbagli compiuti nella vicenda dei  Consorzi che  sulla sua incapacità di essere in asse con la Calabria che vuole affrancarsi dai lacci del passato, il Pd a breve inizierà ad accampare meriti  per l’approvazione della riforma che oggi strumentalmente attacca. Speriamo lo faccia con un po’ di rossore».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x