Ultimo aggiornamento alle 23:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la denuncia

«La sanità di serie B della Calabria cerca di riorganizzarsi con le ambulanze dismesse dalla Lombardia»

Il gruppo del Pd sull’acquisto delle auto mediche usate da parte dell’Asp di Cosenza: «E Occhiuto parla di rivoluzione… »

Pubblicato il: 10/08/2023 – 15:30
«La sanità di serie B della Calabria cerca di riorganizzarsi con le ambulanze dismesse dalla Lombardia»

COSENZA «Una umiliazione dietro l’altro. Le delibere di Areu per la Lombardia e dell’Asp di Cosenza per la cessione di automediche di seconda mano con oltre 200mila km sono davvero imbarazzanti e dimostrano il declino e lo stato di degrado in cui versa il sistema sanitario calabrese nonostante i proclami trionfalistici della giunta di centrodestra». Ad affermarlo è il gruppo del Pd tramite una nota stampa. «La Lombardia spiega la dismissione delle automediche che saranno trasferite all’Asp di Cosenza per una spesa simbolica di 2mila euro – affermano ancora i consiglieri dem – con la necessità di riorganizzare e modernizzare il parco mezzi dopo l’emergenza da Covid 19. E quindi mentre la Lombardia svecchia il suo parco automezzi, la Calabria li acquista, con spese di trasferimento e passaggio di proprietà sempre a carico dell’Asp di Cosenza, per far fronte ad una situazione di emergenza che di certo non sarà risolta così. Ambulanze con oltre 200mila km – si legge ancora nella nota firmata dal gruppo del Pd – sono insicure e renderanno ancora più rischioso il sistema dell’emergenza-urgenza e necessiteranno di continui costi di manutenzione. In buona sostanza abbiamo comprato per circa 600 mila euro dei mezzi che tra non molto dovranno essere dismessi perché ripararli costerà più che comprarli nuovi. Ma non è tutto, le vetture non potranno essere utilizzate subito perché sono sprovviste dell’attrezzatura sanitaria specifica di bordo che costerà un altro mezzo milione di euro. Sicuramente è un affare per Areu ma non per i cittadini calabresi che oltre a non avere medici per il servizio del 118 ora si trovano anche venti mezzi logori che non possono essere usati perché incompleti. Ma che sanità sta costruendo Occhiuto in Calabria dopo avere ottenuto i poteri di commissario ad acta per il piano di rientro dal debito? Intanto la delibera di acquisto da parte dell’Asp di Cosenza è avvenuta su delega da parte di Azienza Zero che non è ancora operativa, nonostante i plurimi annunci trionfalistici del centrodestra. E poi qualcuno tra manager e dirigenti dovrebbe spiegare come è possibile che lo stesso mezzo di soccorso sia considerato “obsoleto” e da sostituire in Lombardia e in Calabria possa essere considerato utile a riorganizzare l’emergenza-urgenza? Tutto va nella direzione contraria rispetto alla costruzione di una Calabria autonoma e forte che Occhiuto invece vuol fare restare subalterna alla Lombardia e al resto del Paese». «Nello spirito di questa delibera – concludono i consiglieri dem – c’è tutta l’inferiorità della nostra Regione e della nostra classe dirigente rispetto a quella del resto del Paese, oltre alla certificazione che il diritto alla salute dei calabresi vale molto meno di quello dei cittadini lombardi. Uno spirito che ritroveremo intatto nell’autonomia differenziata che il governo guidato da Meloni vuole realizzare e che certificherà definitivamente che le Regioni meridionali sono di serie b e possono vivere e curarsi con i mezzi di risulta provenienti dal Nord».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x