Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

conti in tasca

Stangata d’autunno da 1.600 euro. Rincari per scuola, bollette e mutui

Assoutenti: «Aumenti in arrivo anche per la benzina, tagliare le accise»

Pubblicato il: 02/09/2023 – 15:43
Stangata d’autunno da 1.600 euro. Rincari per scuola, bollette e mutui

ROMA Tra bollette, alimentari, scuola, mutui benzina e ristorazione gli italiani vanno incontro ad una stangata d’autunno da 1.600 euro a famiglia. A fare i calcoli è Assoutenti che prevede rincari di 190 euro per gli alimentari, di circa 95 euro per il corredo scolastico, di più di 100 euro per i carburanti. Le note dolenti riguardano però i mutui, con oltre 1.000 euro in più. “Chiediamo al governo di rafforzare subito il taglio al cuneo, allargare il paniere anti-inflazione e intervenire sulle accise, perché anche un taglio di appena 10 centesimi determinerebbe, considerata anche l’Iva, un risparmio diretto di oltre 6 euro a pieno”, afferma il presidente dell’associazione Furio Truzzi.

Alimentari +10%, cartoleria +9%

Oggi i prodotti alimentari costano il 10,1% in più rispetto allo scorso anno, un trend che se confermato nei prossimi mesi, denuncia l’associazione dei consumatori, porterebbe la spesa per cibi e bevande di una famiglia tipo a salire di 190 euro. A settembre riaprono poi le scuole: i prodotti di cartoleria registrano un incremento attorno al 9% su base annua. Una famiglia che deve acquistare tutto il corredo per l’intero anno scolastico (zaino, diario, astuccio, penne, matite, quaderni, ecc.) si ritrova così a spendere circa 50 euro in più rispetto al 2022, a cui aggiungere i rincari dei libri, con rincari tra il 4 e il 12%, pari a 45 euro in più. Più caro anche spostarsi in auto: considerati i dati del Mase, nel periodo settembre-dicembre 2022 il prezzo della benzina si è attestato in media a 1,679 euro al litro contro 1,947 euro di oggi. Se i listini alla pompa dovessero mantenersi ai livelli attuali, ipotizzando due pieni al mese a famiglia, al spesa salirebbe nell’ultimo quadrimestre di 107 euro rispetto al 2022.

Torna l’allarme sulle bollette

Si riaccende poi l’allarme bollette: in base alle previsioni degli analisti, la luce rischia di rincarare tra il 7 e il 10% nel prossimo trimestre (pari a 16 euro in più a famiglia) e il gas per il mese di agosto attorno al +2%. Va peggio sul fronte dei mutui: nelle prossime riunioni della Bce, ricorda Assoutenti, potrebbero essere decisi ulteriori aumenti dei tassi di interesse. Oggi un mutuo a tasso variabile dell’importo medio di 125mila euro a 25 anni (la categoria di finanziamento per acquisto prima casa più diffusa in Italia) costa in media il 60% in più rispetto a inizio 2022, con la rata mensile salita in media di circa 270 euro. Ipotizzando un ritocco dei tassi dello 0,25% in tutte e tre le riunioni Bce, la spesa per le rate mensili del periodo settembre-dicembre risulterebbe più cara complessivamente di circa +1.170 euro rispetto al 2022. Sarà più caro anche mangiare nei ristoranti e consumare nei bar, considerati i rincari scattati nei locali pubblici di tutta Italia: in questo comparto, conclude l’associazione, l’aggravio di spesa sarà di circa +28 euro a famiglia in 4 mesi. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x