Ultimo aggiornamento alle 14:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’annuncio

Il sindaco di Terni Stefano Bandecchi vuole prendersi la Reggina

L’ex presidente della Ternana e proprietario di Unicusano: «Offerta per acquisire il 50% delle azioni societarie»

Pubblicato il: 06/09/2023 – 21:25
Il sindaco di Terni Stefano Bandecchi vuole prendersi la Reggina

REGGIO CALABRIA Stefano Bandecchi vuole prendersi la Reggina. L’attuale sindaco di Terni ed ex presidente della Ternana, nonché fondatore e proprietario di Unicusano (l’Università degli Studi “Niccolò Cusano”), ha annunciato sul suo profilo Instagram di aver presentato una manifestazione di interessa per acquistare il 50 per cento delle azioni societarie amaranto. «L’Università Niccolò Cusano – ha annunciato Bandecchi – farà un’offerta per acquisire il 50% della Reggina, che ripartirà dalla Serie D. Stiamo trovando degli imprenditori seri, che vorranno acquisire l’altro 50% della società: chi se ne sta occupando lo sta facendo nel migliore dei modi. L’UniCusano tenterà di traghettare la Reggina fino alla Serie C, poi abbandoneremo la società, dato che il calcio non è il nostro core business. Ma l’Università Niccolò Cusano si impegna».
Stefano Bandecchi, 62 anni, originario di Livorno, noto per il suo carattere vulcanico, tra le altre cose riveste il ruolo di coordinatore nazionale di “Alternativa Popolare”. È stato coinvolto in una presunta maxi evasione fiscale dell’Università che guida con il ruolo di presidente del Consiglio di amministrazione. Più volte, nel recente passato, nelle vesti di proprietario della Ternana calcio, ha avuto dei duri scontri con la tifoseria. In un’occasione, contestato verbalmente da alcuni tifosi, ha reagito rivolgendo loro degli sputi. Lo scorso 31 agosto, Bandecchi è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Terni nel fascicolo di inchiesta aperto dopo quanto accaduto nel corso del Consiglio comunale del 28 agosto, quando lo stesso sindaco si era scagliato contro l’esponente di Fratelli d’Italia Marco Celestino Cecconi, venendo bloccato dalla polizia municipale. Dopo il Consiglio le minoranze si erano infatti recate dal prefetto e gli esponenti di Fratelli d’Italia anche dai carabinieri, per segnalare quanto successo. Le ipotesi di reato al momento al vaglio sarebbero quelle di minaccia, oltraggio a pubblico ufficiale e di interruzione di pubblico servizio. Tra gli elementi da valutare ci sarebbe infatti anche la reazione del sindaco all’intervento di tre agenti della polizia locale presenti come prassi al Consiglio. Durante il dibattito c’era stato uno scambio di battute dai toni sempre più polemici tra Bandecchi e Masselli, assessore nella precedente Giunta e sconfitto nel ballottaggio per la guida di Palazzo Spada.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x