Ultimo aggiornamento alle 12:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

La cerimonia

Leone: «Università della Calabria in continua crescita e sempre più aperta al territorio» – FOTO

Il rettore all’inaugurazione dell’anno accademico: «Bel segnale l’arrivo di Gottlob da Oxford». Occhiuto: «Realizzato il sogno di Andreatta»

Pubblicato il: 15/09/2023 – 17:21
di Fabio Benincasa
Leone: «Università della Calabria in continua crescita e sempre più aperta al territorio» – FOTO

COSENZA Il corteo dei Rettori inaugura il 52esimo anno accademico dell’Unical con una cerimonia tenuta all’Aula magna, all’interno del Centro congressi “Andreatta” ed alla quale ha partecipato anche la ministra dell’Università e della Ricerca Anna Maria Bernini. Ospite d’onore il docente di Informatica dell’Università di Oxford Georg Gottlob che da fine 2023 diventerà un professore di ruolo all’Università della Calabria. Presente anche il presidente della Regione Roberto Occhiuto.

L’intervento del Rettore Latorre

Secondo il Rettore dell’Unical Nicola Leone «l’anno accademico comincia alla grande, è un bel momento dell’Università, un momento di crescita e maturazione. Questo evento lo simboleggia in qualche modo, perché da una parte abbiamo l’onore di avere in presenza il ministro dell’Università e della Ricerca, dall’altra abbiamo un grande scienziato che lavora nell’ambito dell’intelligenza artificiale che da Oxford emigra al contrario verso la Calabria. È un bel segnale. È una gran bella soddisfazione per lui». In ogni caso c’è la conferma di un’Università che eccelle in tante discipline scientifiche: «I dati sugli iscritti – prosegue Leone –  ancora sono provvisori, però i dati sono positivi e posso anticipare che per il quarto anno di fila l’Università della Calabria sarà in crescita. E’ stato generato un effetto trascinamento in positivo, un dato positivo trascina l’altro e questo poi genera anche interesse. E’ una congiuntura positiva, sono tanti segnali. A luglio – sostiene ancora il Rettore dell’Unical – abbiamo tracciato un resoconto di metà mandato, vedendo insieme alla comunità accademica che abbiamo raggiunto risultati straordinari. Una comunità accademica che ha ritrovato coesione e con grande impegno: docenti, studenti, persone tecnico-amministrative hanno consentito all’Università di raggiungere dei risultati straordinari».

«Ottima collaborazione con la Regione»

Leone quindi evidenzia: «La nostra università internazionale, che ha 9200 domande provenienti da 100 paesi di tutto il mondo, è la prima del Mezzogiorno in quanto a studenti internazionali iscritti, ma è un’università internazionale aperta al territorio, quindi che collabora con tutte le istituzioni. Abbiamo stabilito un’ottima collaborazione col presidente della Regione, stiamo lavorando insieme a tanti progetti importanti per la Calabria, ma lavoriamo con le scuole, con tutte le grandi istituzioni e la massiccia presenza che vedrete oggi dei rappresentanti delle istituzioni conferma l’importanza che viene conferita al nostro ateneo e la stima di cui gode sul territorio. Entra anche nel centro storico di Cosenza: abbiamo di recente inaugurato un incubatore di impresa che affronta una sfida difficile di fare impresa nell’ambito della cultura e del turismo e lo fa proprio nel centro storico di Cosenza che vogliamo contribuire a rianimare in prospettiva». Arcavacata dunque – rimarca il Rettore Leone – «assolve quindi anche alla terza missione finalmente, insomma si arriva dopo l’istituzione a centrare questo obiettivo. La terza missione, come dico sempre, è una missione importante delle università, ma diventa forse la prima missione per un’università ubicata in un’area svantaggiata come la Calabria. Quindi l’università sente forte l’esigenza, quasi il dovere, di aprirsi al territorio e di contribuire alla crescita scientifica e culturale, ma anche dare un contributo sul fronte socio-economico».

L’intervento di Occhiuto

«Sono molto contento anche perché il Rettore e io abbiamo realizzato la profezia di Andreatta. Andreatta diceva che ci sarebbe stato un giorno nel quale il Rettore dell’Università e il presidente della Regione sarebbero stati entrambi laureati qui. Così è stato e mi fa piacere che siamo riusciti, il Rettore e io, a dare concretezza ad un sogno, quello della Facoltà di Medicina, In questa università, se ne parlava da 20 anni, in un anno l’abbiamo realizzata, mettendo più competitività nel sistema universitario calabrese perché abbiamo rafforzato anche la facoltà di medicina e di pensare», ha detto a sua volta il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto. «Lavorare in Calabria – ha poi aggiunto Occhiuto – significa pensare che il traguardo che si taglia è una minima parte di quello che c’è da fare. Per fortuna ci sono tante possibilità».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x