Ultimo aggiornamento alle 23:20
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 8 minuti
Cambia colore:
 

il progetto

Civita, consegnati i lavori per la messa in sicurezza del Torrente Raganello

Il sindaco Tocci: «Passo importante verso la riapertura in sicurezza delle Gole. Adesso spetta ad altri organi fare gli ulteriori passaggi»

Pubblicato il: 22/09/2023 – 11:56
Civita, consegnati i lavori per la messa in sicurezza del Torrente Raganello

CIVITA Consegnati i lavori relativi al progetto “Interventi di Messa in sicurezza, miglioramento accessi e servizi di fruibilità del Torrente Raganello”. Alla sobria cerimonia di consegna hanno partecipato, oltre al sindaco, Alessandro Tocci, il responsabile comunale del Settore Tecnico nonché Responsabile Unico del Procedimento , il geometra Giuseppe Palazzo, l’ingegnere Mario Salvatore Oriolo, in qualità di amministratore unico e direttore tecnico della Sinar srls, incaricata, come capogruppo mandataria del Raggruppamento Temporaneo di Professionisti, della direzione lavori, l’architetto Ilaria Oriolo e il geologo Giuseppe Campanella, facenti parte del Rtp, e il consigliere comunale delegato ai Lavori Pubblici, Antonio Vavolizza L’Associazione Temporanea d’Imprese “Ati Civita Raganello”, esecutrice dei lavori, era rappresentata dall’amministratore unico dell’ Agrisolution Srl, Mario Grillo, e dall’ingegnere Carmelo Gallucci. L’importo dei lavori per gli interventi previsti è di circa 960 mila euro. «Questa mattina, con la consegna dei lavori riguardanti il progetto “Interventi di Messa in sicurezza, miglioramento accessi e servizi di fruibilità del Torrente Raganello”, inizia la messa in sicurezza del Raganello. Una messa in sicurezza che riguarda, al momento, solo l’esterno del torrente. Per quanto riguarda, invece, la messa in sicurezza dell’interno del torrente siamo in attesa del progetto. La nostra speranza è che questo venga redatto al più presto e i lavori possano iniziare nel più breve tempo possibile. Oggi, come amministrazione, abbiamo compiuto il primo passo verso la riapertura in sicurezza delle Gole. Adesso spetta ad altri organi fare gli ulteriori passaggi. Ringrazio pubblicamente l’ufficio tecnico comunale e i progettisti per quanto fatto, ma un ringraziamento particolare lo debbo dare all’assessore regionale Gallo che ha fortemente voluto che questo progetto vedesse la luce», ha dichiarato il sindaco, Alessandro Tocci.

Il progetto

Il progetto è finalizzato al rilancio turistico del borgo di Civita attraverso una serie di azioni che consentono di ampliare l’informazione turistica ed usufruire in piena sicurezza delle bellezze naturali del bacino del Torrente Raganello, insieme a numerose attività volte ad aumentare promuovere la visibilità dei luoghi a scala Nazionale.
Alcuni aspetti scientifici coinvolgono tutta l’area del Raganello mentre il potenziamento dell’offerta turistica riguarda maggiormente il territorio del comune di Civita che, per la particolare morfologia si adatta all’implementazione di strategie che tendono ad avviare una modalità di “turismo in sicurezza” e rendere possibili azioni che consentono, agli utenti della natura di avere notizie immediate sui percorsi da fare, sulla loro difficoltà, e sulle condizioni meteo in corso, al fine di valutare i dati e fare correttamente le proprie scelte.
I dati meteo cui si può attingere dal sistema in progetto non saranno sostitutivi di quelli ufficiali divulgati dalla Protezione Civile Regionale, che è e resta l’unico ente deputato a farlo, ma daranno un dato locale di dettaglio.
I dati registrati in loco da una serie di sensori locali, elaborati unitamente a quelli diffusi dalla Protezione Civile Nazionale, dal Centro Funzionale Arpacal con applicazioni ad hoc in modo da ordinare e riorganizzare tutte le informazioni in messaggi semplici, comprensibili ed immediati che la centrale della Protezione Civile Regionale, potrà utilizzare o integrate nei Mau, e saranno utilizzati come informazione aggiuntiva per i turisti.
Sono individuati alcuni percorsi e sentieri che saranno resi percorribili in piena sicurezza, infatti nel progetto è presentata una proposta di sentieri e percorsi fluviali che limitano i rischi, unitamente ad un possibile approccio naturalistico per estendere i camminamenti laddove consentito.
Le dimensioni, la morfologia e la geologia del bacino si prestano a fare del Torrente Raganello un sito pilota per la mitigazione del rischio idrogeologico. All’intero del bacino saranno installati una serie di sensori specifici per la taratura di modelli idrologici, per la calibrazione di immagini satellitari, per la messa a punto di modelli di propagazione di incendio e la mitigazione della franosità superficiale. Tutti i dati, acquisiti in tempo reale, saranno inseriti all’interno di un data base accessibile a tutti i gli studiosi che ne faranno richiesta.

Obiettivi del progetto

Per il rilancio turistico delle Gole del Raganello,la fornitura prevede una serie di azioni indirizzate alla:
1. selezione di percorsi e sentieri fruibili in sicurezza: “Aree Verdi”;
2. proposizione di strumenti per divulgare le bellezze del sito;
3. creazione di un parco scientifico per la sperimentazione di modelli di messa in sicurezza di piccoli bacini tipici calabresi;
4. messa in atto di un sistema di allerta per garantire ingressi sicuri sul Torrente Raganello;

Strumenti divulgativi

Parte importante del progetto è la realizzazione di strumenti informativi per pubblicizzare la bellezza dei luoghi e la possibilità di percorrere in totale sicurezza alcuni tratti del fiume. Considerato che una parte del torrente a monte del Ponte del Diavolo non è attualmente fruibile, questa sarà mostrata in forma ‘virtuale’.

La visita virtuale alle gole

Per far conoscere tutto il percorso delle gole basse del Raganello, nella fornitura è prevista la realizzazione di un documentario della durata di 15 minuti in formato 4K. Il filmato, da commissionare a documentaristi professionisti, dovrà prevedere una prima parte descrittiva dei luoghi in termini geologici e, nella seconda parte, un volo drone lungo il percorso interno delle gole.Il tutto commentato da una speaker professionista.

Sito permanente di presentazione delle gole

La fornitura prevede l’allestimento di una sala, presso l’EcoMuseo di Palazzo Castellano, in cui sono mostrate l’unicità delle gole, i percorsi, il documentario ed altro. In particolare, l’allestimento utilizzerà lo schermo ivi presente, un grande schermo 75” Uhd per la presentazione del documentario; oltre a prevedere uno schermo 42” con un secondo filmato, in formato didattico divulgativo, che descrive tutto il sistema di mitigazione del rischio realizzato nel Raganello; gigantografie dei percorsi; sono già presenti descrizioni naturalistiche della flora e della fauna visibile lungo i percorsi, un piccolo ambiente idoneo allo scopo sarà adibito a sale server; il sito web.
Particolare rilevanza è attribuita al sito web che dovrà diffondere all’esterno del Comune tutte le iniziative in corso. In particolare, il sito web dovrà contenere: tutte le informazioni contenute nel sito permanente (2.1.2); la visualizzazione di quanto registrato dalle telecamere panoramiche posizionate nella parte alta del bacino; la rappresentazione delle condizioni meteo in tempo reale (Radar,pluviometri), le previsioni a 1-24 ore; le informazioni di accessibilità alle gole; il link alle strutture e agenzie turistiche;

La campagna pubblicitaria

Nel corso della realizzazione del progetto e per l’anno successivo, dovrà realizzarsi una campagna pubblicitaria finalizzata alla ripresa turistica del borgo.

Il monitor informativo esterno

Sull’edificio del Comune dovrà essere installato un videowall per esterni delle dimensioni minime di 42”. La principale funzione dello schermo è la visualizzazione, in un settore del video, dell’accessibilità alle gole sulla base delle informazioni fornite dalla PC regionale e dai modelli locali. Nella restante porzione dello schermo saranno proiettate a rotazioni previsioni meteo, attività ed iniziative del comune, immagini delle telecamere panoramiche.

Segnaletica lungo i percorsi

In accordo con le indicazioni fornite dal Comune, nel centro urbano, in corrispondenza delle Aree Verdi e degli ingressi, saranno posizionate segnaletiche per facilitare l’accesso ai percorsi.

Convegno presentazione del progetto

Alla conclusione del progetto, dovrà essere organizzato, insieme al Comune di Civita, una conferenza con la partecipazione delle autorità regionali e del Parco del Pollino, per mostrare i risultati del progetto e mostrare la fruibilità in totale sicurezza dei percorsi individuati.

Il parco scientifico del Torrente Raganello

La molteplicità di dati funzionali alla valutazione del rischio, fa si che quanto realizzato nel Torrente Raganello possa essere considerato alla stregua di un parco scientifico per lo studio di modelli di mitigazione del rischio idrogeologico. Ancora oggi, a distanza di 12 anni dalla messa in funzione della rete radar Nazionale, l’utilizzo di questo strumento non è pienamente applicato, sia per la sua scarsa considerazione nei protocolli di mitigazione, sia per una scarsa diffusione nell’ambito della ricerca idrologica.
Nell’ambito del progetto sono presenti strumenti ed informazioni finalizzati a rendere operativi i dati delle due coperture radar: Radar Pcn doppler in banda C; radar banda X Raganello.
La presenza di un radar aggiuntivo in banda X è dettata dalla necessità operativa in tempo reale. In questo contesto le precipitazioni, calibrate con pluviometri e disdrometri sincronizzati, saranno praticamente fornite con ritardi minimi.
Il radar e le attrezzature a compendio saranno allocate al rifugio di Colle Marcione che potrà essere un’altra luogo vda visitare per la valenza scientifica.
La presenza di una fitta rete di 4 pluviometri, più un idrometro e due disdrometri (strumento laser che misura velocità e dimensioni delle gocce d’acqua) offre un bacino unico in Calabria, dove poter effettuare studi e sperimentazioni sulla calibrazione dei dati radar sia in banda X che in banda C.
La presenza di 6 sonde Tdr per misurare l’umidità del suolo, la diffusione dei dati Sentinel 1 su tutto il Parco del Pollino in forma georeferita e contestualizzata, consente di estendere le sperimentazioni alla modellistica afflussi-deflussi, ovvero di conversione in portata delle precipitazioni, all’analisi delle relazioni tra precipitazioni-umidità del suolo – frane superficiali. All’interno del bacino del Raganello sono, infatti, presenti una serie di aree particolarmente suscettibili alla franosità superficiale.
La presenza di due anemometri a ultrasuoni (strumenti per la misura della velocità del vento), unitamente a dati satellitari e puntuali sulle condizioni di umidità del suolo e ad un dettagliato Dem a 1 metro, costituiranno informazioni essenziali per lo studio di modelli di propensione e propagazione degli incendi. Considerato che il bacino del Torrente Raganello è parte integrante del Parco del Pollino, il Parco Scientifico può costituire un importante palestra per la mitigazione degli incendi in tutta l’area.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x