Ultimo aggiornamento alle 8:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

I provvedimenti

Decreto energia, ecco le novità su bollette, bonus benzina e mutui

Verso la conferma di aiuti a famiglie. Prevista anche una “sanatoria scontrini” per i contribuenti

Pubblicato il: 25/09/2023 – 17:39
Decreto energia, ecco le novità su bollette, bonus benzina e mutui

ROMA Il governo di Giorgia Meloni verso la conferma del bonus bollette luce e gas nel decreto energia, secondo quanto prevede la bozza del provvedimento all’esame del Consiglio dei ministri. Semaforo verde anche al bonus benzina per le fasce deboli e alla proroga del bonus mutui per gli under 36. Sul tavolo, anche la “sanatoria scontrini”.

Bollette luce e gas

Anche per il IV trimestre del 2023, al fine di contenere gli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore del gas naturale, l’Arera «provvede a mantenere azzerate, per il medesimo trimestre, le aliquote delle componenti tariffarie relative agli oneri generali di sistema per il settore del gas». È quanto prevede una bozza del dl Energia che è sul tavolo del Consiglio dei ministri. «Agli oneri valutati in 300 milioni di euro per l’anno 2023, si provvede a valere sulle risorse disponibili nel bilancio della Cassa per i servizi energetici e ambientali per l’anno 2023», si legge nel provvedimento.
Anche i bonus sociali per l’elettrico sono confermati. «Ai clienti domestici titolari di bonus sociale elettrico è riconosciuto, per i mesi di ottobre, novembre e dicembre 2023, un contributo straordinario, crescente con il numero di componenti del nucleo famigliare secondo le tipologie già previste per il medesimo bonus sociale». Per le finalità «è autorizzata la spesa massima di 300 milioni di euro per l’anno 2023», si legge ancora.
Il provvedimento prevede anche la proroga per il IV trimestre 2023 dell’Iva agevolata del 5% sulle bollette del gas per usi civili e industriali: gli oneri di questa misura sono valutati in 628,62 milioni di euro per l’anno 2023. La disposizione, si legge ancora nella bozza del provvedimento, «si applica anche alle forniture di servizi di teleriscaldamento nonché alle somministrazioni di energia termica prodotta con gas metano in esecuzione di un contratto di servizio energia». Gli oneri sono «valutati in 41,46 milioni di euro per l’anno 2023».

Bonus benzina e gasolio, a chi spetta

Prendono forma il bonus benzina e gasolio. «Al fine sostenere il potere d’acquisto dei nuclei familiari meno abbienti, anche a seguito dell’incremento del costo del carburante», arrivano cento milioni di euro in più per la social card, si legge in una bozza del decreto.
«Entro trenta giorni dall’entrata in vigore della presente disposizione, con decreto del Ministro delle Imprese e del made in Italy, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, sono stabiliti: l’ammontare del beneficio aggiuntivo per singolo nucleo familiare; le modalità di raccordo con le previsioni del decreto di cui all’articolo 1, comma 451, della legge 29 dicembre 2022, n. 197, al fine di preservare l’unicità del sistema di gestione e del titolo abilitante; le modalità e le condizioni di accreditamento delle imprese autorizzate alla vendita di carburanti che aderiscono a piani di contenimento dei costi del prezzo alla pompa», si legge nella bozza del provvedimento.
«Agli oneri derivanti dall’attuazione, pari a 100 milioni di euro per l’anno 2023 – si legge nella bozza-, si provvede mediante corrispondente versamento all’entrata del bilancio dello Stato delle risorse della contabilità speciale».

Bonus mutui under 36

Il bonus mutui per under 36 che comprano la prima casa «è prorogato al 31 dicembre 2023», come prevede una norma contenuta nella bozza del Dl energia.

Sanatoria scontrini

Nella bozza la cosiddetta sanatoria scontrini, che prevede di intervenire per le irregolarità commesse da attività commerciali dall’inizio del 2022 al 30 giugno 2023. «I contribuenti che, dal 1° gennaio 2022 e fino al 30 giugno 2023, hanno commesso una o più violazioni in materia di certificazione dei corrispettivi possono rimuovere, mediante il ravvedimento operoso, le predette violazioni anche se siano state già constatate non oltre la data del 31 ottobre 2023, a condizione che non siano state già oggetto di contestazione alla data del perfezionamento del ravvedimento e che tale perfezionamento avvenga entro la data del 15 dicembre 2023», si legge.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x