Ultimo aggiornamento alle 17:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

gli “stati generali”

Digitalizzazione, Occhiuto: «In Calabria siamo ancora indietro, creeremo un’agenzia»

Il presidente della Regione: «Decisori politici finora assenti nell’analisi dei fabbisogni. In coda nei Lea perché i flussi non vengono caricati»

Pubblicato il: 27/09/2023 – 13:27
Digitalizzazione, Occhiuto: «In Calabria siamo ancora indietro, creeremo un’agenzia»

CATANZARO «Non va tutto bene, siamo indietro, sono indietro i Comuni della Calabria, è indietro la Regione, è indietro il sistema sanitario regionale per quanto attiene ai processi di digitalizzazione». Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, intervenendo al “Calabria Digital Summit”, gli stati generali sulla digitalizzazione in corso alla Cittadella. «Appena mi sono insediato – ha aggiunto Occhiuto – ho realizzato che in regione e nelle aziende sanitarie spesso l’analisi dei fabbisogni viene fatta dai fornitori e non dai decisori politici o istituzionali: così non va bene. Stiamo cercando di mettere a sistema le attività che devono essere svolte per rendere più efficiente la pubblica amministrazione e attraverso questo percorso erogare servizi si migliore qualità. Per questo proseguiremo nei prossimi mesi e nelle prossime settimane, abbiamo in animo di costituire un’agenzia regionale, ci sta lavorando l’assessore Pietropaolo, per fare in modo che i fornitori ci aiutino a realizzare applicativi, sistemi di digitalizzazione ma sulla fase dei fabbisogni della pubblica amministrazione». Per Occhiuto «molto spesso i ritardi sono dovuti al fatto che né i decisori politici né i decisori amministrativi, l’apparato burocratico degli enti, ha competenze sufficienti per valutare quale strumento sia più idoneo a realizzare un obiettivo e quando è così è il mercato che decide, e quando decide il mercato spesso decide sulla base degli utili, dei profitti invece che sulla base dei servizi».

Occhiuto con l’assessore Pietropaolo

«In coda nel Lea perché non si caricano i flussi»

Occhiuto ha quindi aggiunto: «nella sanità abbiamo un punteggio Lea ancora più basso perché ho verificato quest’anno che non vengono nemmeno caricati i flussi, non c’è un’attività utile persino a misurare la qualità delle prestazioni erogate. Quindi dobbiamo fare tanta strada insieme, abbiamo bisogno di voi, di questo ecosistema delle conoscenza e delle esperienze che c’è in regione affinché si possa strutturare una virtuosa alleanza tra chi opera nel mercato e chi deve rivolgersi la mercato per erogare ai cittadini servizi di qualità. Per questo sono molto felice che tutti i soggetti coinvolti siano presenti in questa sala e lavorino insieme e vorrei che questo rapporto diventi strutturale, e l’agenzia può servire a questo, a  regolare in maniera costante questo rapporto. Vorrei che questa iniziativa non fosse un episodio ma l’inizio di una nuova stagione nei processi di digitalizzazione». Occhiuto infine si è detto «molto grato all’assessore Pietropaolo che ha la delega a seguire questa materia per gli sforzi che sta facendo in questa direzione». (a. cant.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x