Ultimo aggiornamento alle 17:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

l’appuntamento

XX Festival d’autunno, per la prima volta in Calabria Elio e le Storie Tese

Il 10 novembre in esclusiva regionale saranno al Teatro Politeama con “Mi resta solo un dente e cerco di riavvitarlo”

Pubblicato il: 02/10/2023 – 10:40
XX Festival d’autunno, per la prima volta in Calabria Elio e le Storie Tese

Toccherà a loro il gran finale al Teatro Politeama del XX Festival d’autunno. Parliamo di Elio e le Storie Tese, una delle band più amate e innovative del panorama musicale italiano, che si prepara a ad arrivare per la prima volta in Calabria e in esclusiva regionale il prossimo 10 novembre con il loro attesissimo spettacolo intitolato “Mi è rimasto solo un dente e cerco di riavvitarlo” che promette di essere un’esperienza unica e coinvolgente. Elio e le Storie Tese porteranno sul palco i loro più grandi successi, come “La canzone mononota” che li vide arrivare secondi al Festival di Sanremo nel 2013, dietro Marco Mengoni, o ancora “John Holmes (una vita per il cinema)”, “Servi della gleba”, ma anche brani meno conosciuti e sorprese inedite. «Mi resta un solo dente e cerco di riavviatarlo» è infatti un picaresco viaggio musicale nel repertorio vecchio di Elio e le Storie tese: «È una radiografia folle e ragionata della nostrana Terra dei Cachi 2023 – spiega il regista Giorgio Gallione – dove gergo, ironia, incursioni surreali e filosofia assurdista disegnano un bel paese italiota grottesco e contemporaneo, popolato di bellimbusti modaioli e adrenalinici o di improbabili ammaestratori di cozze, di onorevoli poco onorati o di coltivatori biologico/transgenici, di bizzarri animali da bestiario fantastico o da hippies ormai imbolsiti e fuori tempo massimo». Al XX Festival d’autunno – realizzato dall’associazione Donne in arte con il supporto di Mic, Por Calabria Fesr Fse, Calabria Straordinaria, in collaborazione con Fondazione Carical e i Comuni di Catanzaro, Montauro, Soverato, Tropea e Santa Caterina – , non mancheranno quindi canzoni, monologhi, scherzi musicali, performance strumentali virtuosistiche e sciagurate, come è nello stile mitico e identitario del gruppo: «Grande capacità musicale e talento compositivo al servizio di un racconto deflagrato e sempre sorprendente, dove metodo e follia, genio e sregolatezza incrociano continuamente strade e ispirazioni – aggiunge ancora Gallione -. Un concerto teatrale senza un attimo di tregua, dove lo sguardo dissacrante e giocoso di Elio e le Storie Tese genera comicità e paradosso. Uno sberleffo ironico e autoironico, dove il Riso o il Comico non sono mai digestivi, ma piuttosto sovversione del senso comune, strumenti del pensiero divergente, ludica e ragionata aggressione alla noia. Uno sguardo beffardo e esilarante che attraverso la musica e le canzoni crea divertimento, spiazzamento e stupore… Perché, dice il poeta, senza lo stupore c’è soltanto l’ovvio».

La band Elio e le Storie tese sono: Stefano Belisari alias Elio, Davide Luca Civaschi alias Cesareo, Nicola Fasani aliasFaso, Christian Meyer, Antonello Aguzzi alias Jantoman, Vittorio Cosma, Paola Folli, Luca Mangoni. «Elio e le Storie Tese, con la loro ironia e la loro musica eclettica, hanno conquistato il cuore di milioni di fan in tutto il mondo – afferma il direttore artistico del Festival d’autunno Antonietta Santacroce -, conosciuti  per i loro testi intelligenti e divertenti, che spaziano tra i vari generi musicali, dal rock alla musica danza, passando per il pop e il rap. È pertanto un’occasione da non perdere per assistere a uno spettacolo indimenticabile, che farà ridere, emozionare e ballare. All’insegna del puro divertimento».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x