Ultimo aggiornamento alle 9:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

operazione garbino

L’indagine sui clan di Isola Capo Rizzuto partita dalle infiltrazioni mafiose nel porto di Catanzaro

L’inchiesta ha preso le mosse nel 2020. La figura di Fiorello Maesano, la gestione della “bacinella” e la protezione a un imprenditore

Pubblicato il: 03/10/2023 – 12:40
L’indagine sui clan di Isola Capo Rizzuto partita dalle infiltrazioni mafiose nel porto di Catanzaro

CROTONE Si chiama Garbino, come il vento che soffia da sud-ovest che spazza via le nuvole dal cielo, l’operazione con la quale questa mattina la Squadra Mobile di Crotone, insieme a quella di Catanzaro, ha eseguito 11 provvedimenti di fermo disposti dalla Direzione distrettuale antimafia nei confronti di altrettante persone di Isola Capo Rizzuto accusate a vario titolo di fare parte di una associazione di tipo mafioso nonché dei reati satellite di scambio elettorale politico mafioso, usura, estorsione, porto e detenzione illegale di armi e stupefacenti. Complessivamente ci sono 29 indagati tra cui anche due noti penalisti di Crotone e Catanzaro.

L’inchiesta sul porto e la figura di Fiorello Maesano

L’indagine è partita nel marzo del 2020 prendendo le mosse da un fascicolo già aperto sulle infiltrazioni criminali nella gestione del porto di Catanzaro dal quale sarebbe emersa anche la figura di Fiorello Maesano, elemento storico della criminalità organizzata isolitana, ritenuto il soggetto al quale ci si rivolgeva per la risoluzione di varie problematiche, come quella di proteggere un imprenditore del posto dalle richieste estorsive rivoltegli da esponenti criminali egemoni in altri territori, in particolare di Cotronei e Petilia Policastro. Gli inquirenti hanno raccolto indizi dai quali emerge che a Fiorello Maesano era demandata la gestione della cosiddetta “bacinella” contenente le somme provenienti dalle attività illecite della cosca Arena, con le quali egli stesso provvedeva al sostentamento dei carcerati e delle loro famiglie. 

La disponibilità di armi da parte del clan

A conferma dell’attivismo degli indagati nel settore del traffico e della distribuzione di sostanze stupefacenti e dell’ampia disponibilità di armi da parte dell’organizzazione, sono stati effettuati numerosi sequestri, tra cui 2 chilogrammi circa di marijuana, una piantagione di 707 piante di marijuana, una pistola Beretta calibro 9X21 con matricola abrasa, un fucile marca Falco sovrapposto calibro 8 e 92 ordigni esplosivi artigianali. Le attivita’ tecniche hanno consentito di documentare finanche il loro effettivo utilizzo, durante una prova di fuoco compiuta dagli indagati in una zona isolata del territorio di Isola Capo Rizzuto. All’esecuzione dei provvedimenti restrittivi disposti dalla Procura, hanno partecipato dalle prime ore dell’alba un centinaio di donne e uomini della Polizia di Stato, coordinati dalla Direzione Centrale Anticrimine, appartenenti alle Squadre Mobili di Catanzaro e Crotone, al Servizio Centrale Operativo – Sezione Investigativa di Catanzaro, in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza, Siderno e Vibo Valentia nonché con il supporto delle unità cinofile della Questura di Vibo Valentia.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x