Ultimo aggiornamento alle 12:08
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il contributo

«Il solito cliché di una Calabria retrograda, governata dalla ‘ndrangheta e senza speranza»

Il Rettore di UniRiMi: «C’è chi, invece, vuole e s’impegna per una Calabria libera da certe logiche di appartenenza masso-mafiosa»

Pubblicato il: 04/10/2023 – 19:39
di Don Ennio Stamile
«Il solito cliché di una Calabria retrograda, governata dalla ‘ndrangheta e senza speranza»

«Siamo alle solite. Qualche giorno fa il Tg1, mandava in onda un servizio su San Luca, un cliché ormai ampiamente consolidato: immagini di luoghi e persone montate ad arte per mostrare il solito volto di una Calabria retrograda, governata dalla ‘ndrangheta e sostanzialmente senza speranza di poter cambiare. Ovviamente, tra i fatti negativi elencati, – tra quelli positivi solo ed unicamente il lavoro dei Cacciatori di Calabria – si è omesso di dire che da lunghi decenni il primo latitante, in gran parte della Calabria e molto di più in quelle zone, è lo Stato che ha contribuito con le sue colpevoli ed ingiustificate assenze, a far sì che la ‘ndrangheta continuasse ad avere la sua signoria territoriale, essere come abitualmente la si definisce un anti-stato. Con una sua economia, alimentata per un periodo dai sequestri di persona e in seguito dal traffico di stupefacenti ed armi. Con una sua giustizia, fatta di condanne a morte senza appelli e con le sue regole fondate sul principio dell’omertà. Spero vivamente di sbagliare, ma da diverso tempo nutro l’impressione che ci sia una sorta di contrasto all’interno delle varie Istituzioni. C’è chi vuole e s’impegna per una Calabria libera da certe logiche di appartenenza masso-mafiosa; c’è a chi conviene, invece, che rimanga tutto com’è, basta ogni tanto fare retate tanto per attirare l’attenzione e vedersi attribuita qualche medaglia al merito. Onestamente mi riesce difficile comprendere il senso di quel servizio, soprattutto perché andato in onda a pochi giorni di distanza dalla visita in quegli stessi luoghi del Ministro dell’Istruzione Valditara, un notevole traguardo per raggiungere il quale si sono ritrovate diverse sinergie: Università Mediterranea di Reggio Calabria, Regione Calabria, Direzione scolastica regionale, UiRiMi di Limbadi, Associazioni del territorio che, con i rispettivi Sindaci da tempo, ormai, lavorano per contribuire a far sorgere idee e progetti primo fra tutti quello di una scuola finalmente degna di questo nome che abbia oltre a strutture adeguate, insegnanti e dirigenti formati e appassionati e molto altro. Ma questo interessa poco ai Media, anche del servizio pubblico da troppo tempo ingabbiato alle solite lobby. Eppure, tutte le Istituzioni dovrebbero avere lo stesso fine, quello del bene comune, elemento valoriale diventato come una sorta di araba fenice. Lo si sente spesso citare nei discorsi enucleati da politici e rappresentanti delle varie Istituzioni, ma onestamente non mi è mai capitato di poter ascoltare in concreto cosa esso sia. Beh, per noi calabresi basta alzare lo sguardo verso ciò che ci circonda per comprendere che il bene comune è innanzitutto il bello che ci accomuna, che tiene assieme diversità geografiche, storiche, paesaggistiche, culturali, monumentali, come una sorta di visibile ordito sulle trame della nostra storia. Massima solidarietà intendo esprimere verso il Sindaco di San Luca, intanto per il suo coraggio ad esporsi politicamente dopo un lungo periodo di scioglimento dello stesso comune per infiltrazione mafiosa. Nonostante la scarsissima affluenza alle urne, segno evidente di totale sfiducia verso le Istituzioni – come potrebbe essere diversamente vista la latitanza di uno Stato che manifesta il suo volto attraverso retate, interdittive e scioglimenti di comuni – può ben ritenersi degno rappresentante del volto genuino dei sanluchesi onesti. Nonostante questo clima di generale, sottile, opposizione da parte di alcuni, noi continueremo a stare dalla parte della bellezza, del lavoro, della scuola, dei Sindaci onesti e coraggiosi. Convinti come siamo che una Calabria finalmente libera da certe logiche è ancora possibile… nonostante tutto».

*Rettore UniRiMi

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x