Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

IL CASO

‘Ndrangheta, il pentito Bruzzese raggiunto nella località protetta e minacciato

In Tribunale a Palmi il collaboratore di giustizia rivela di essere stato avvicinato da due soggetti che gli hanno intimato di non andare a un’udienza

Pubblicato il: 04/10/2023 – 14:03
‘Ndrangheta, il pentito Bruzzese raggiunto nella località protetta e minacciato

PALMI Il collaboratore di giustizia Lorenzo Bruzzese sarebbe stato avvicinato da due soggetti che lo avrebbero raggiunto nella località protetta intimandogli di non recarsi in aula per l’udienza del 20 settembre. È stato lo stesso collaboratore, davanti al Tribunale di Palmi, dove si sta celebrando il processo “Faust” a cosche della ‘ndrangheta, a denunciare stamattina il grave episodio avvenuto un paio di giorni prima dell’udienza del 20 settembre. In quella data, effettivamente, il pentito non si è presentato in aula. I due uomini, che evidentemente erano a conoscenza di dove Bruzzese vive con la famiglia, avrebbero bussato alla sua porta, gli avrebbero detto che per ora non gli sarebbe stato fatto del male e lo avrebbero invitato a ritrattare tutte le sue dichiarazioni rese ai pm contro la ‘ndrangheta di Rosarno.

Confermate le accuse contro la cosca Pisano

Stamattina Bruzzese si è presentato in aula per essere interrogato dal sostituto della Dda di Reggio Calabria Sabrina Fornaro e dal presidente del Tribunale di Palmi Francesco Petrone davanti ai quali ha confermato le accuse rese durante le indagini contro la cosca Pisano, detti “i Diavoli”, e ha spiegato le attività illecite della famiglia di ‘ndrangheta che sul territorio, secondo i pm, si occupa di traffico di droga, armi estorsioni e usura. Fratello del narcotrafficante internazionale Joseph Bruzzese, il pentito ha anche dichiarato di essere uscito volontariamente dal programma previsto dal sistema centrale di protezione previsto per i collaboratori di giustizia e di vivere senza alcuna tutela in una località segreta assieme ai suoi familiari. Al termine dell’udienza, l’avvocato Michele Gigliotti, che assiste Bruzzese, ha chiesto di sapere quali determinazioni assumerà la Procura di Reggio Calabria e in aula è stato spiegato che il verbale con le dichiarazioni del pentito sarà acquisito dalla Dda che aprirà un’indagine sull’accaduto. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x