Ultimo aggiornamento alle 23:02
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

palazzo campanella

Pd: «Calendarizzare in Consiglio regionale una proposta di legge sulla sanità pubblica»

Il capogruppo Bevacqua: «Assicurare al Sistema nazionale un’adeguata copertura finanziaria per raggiungere la sostenibilità che manca»

Pubblicato il: 11/10/2023 – 20:51
Pd: «Calendarizzare in Consiglio regionale una proposta di legge sulla sanità pubblica»

CATANZARO «Abbiamo preso atto con soddisfazione che gran parte della prossima seduta dell’Assemblea sarà dedicata alle interrogazioni già presentate e ancora prive di risposta, così come avevamo richiesto formalmente durante la precedente riunione della Conferenza». Lo afferma il capogruppo del Pd a palazzo Campanella Mimmo Bevacqua dopo la riunione della Conferenza dei capigruppo.
«Il presidente Mancuso – aggiunge – si è impegnato a calendarizzare la nostra Ppa recante proposta di legge al Parlamento ‘sostegno finanziario al Ssn a decorrere dal 2023’. Una proposta da tempo depositata, così come avvenuto nelle altre Regioni italiane in cui i gruppi consiliari regionali del Partito Democratico hanno depositato analoghe proposte di legge di iniziativa regionale, ai sensi dell’art. 121 della Costituzione, rivolte al Parlamento per assicurare al Sistema sanitario nazionale un’adeguata copertura finanziaria in grado di raggiungere quella sostenibilità finanziaria che oggi manca, prevedendo un incremento del Fondo Sanitario Nazionale di 4 miliardi all’anno per i prossimi 5 anni, con l’obiettivo di attestare lo stesso al 7,5 % del Pil nazionale. Il presidente Mancuso si è impegnato a discuterne con la presidente della Commissione Sanità per fissare la discussione per quello che è un passaggio dovuto».
Bevacqua specifica che il Pd in aula ha «poi condiviso e sottoscritto la proposta di legge elaborata da Mancuso in merito alla richiesta dell’imprenditore De Masi per prevedere un meccanismo di premialità per le aziende che si ribellano alla criminalità, così come già avevamo annunciato al momento della proposta da parte dell’imprenditore. Infine – afferma – ho annunciato la nostra partecipazione alla manifestazione del prossimo 17 ottobre a Gioia Tauro in difesa del porto, ma non abbiamo sottoscritto la proposta di Mancuso in quanto la posizione del Pd sul tema è a difesa dello scalo, ma anche a difesa dell’ambiente. L’applicazione concreta della direttiva oggi contestata spetterà al Governo ed al Parlamento italiano che entro fine anno dovranno recepirla e, dunque, potranno formulare osservazioni al testo per tutelare al meglio la rete portuale europea e degli scali nevralgici per l’economia come quello di Gioia Tauro, un’infrastruttura fondamentale per lo sviluppo della Calabria e del Sud che difenderemo in tutte le sedi» conclude Bevacqua. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x