Ultimo aggiornamento alle 20:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il fatto

Abusi su studentesse nel Catanese, arrestato il preside

Le indagini sono scattate dopo la denuncia di una 15enne. Individuate altre 6 vittime del dirigente scolastico

Pubblicato il: 16/10/2023 – 11:18
Abusi su studentesse nel Catanese, arrestato il preside

CATANIA Un dirigente scolastico è stato arrestato da Carabinieri della Compagnia di Caltagirone, in provincia di Catania, per violenza e tentata violenza sessuale nei confronti di 7 studentesse minorenni. Le indagini sono state avviate dopo la denuncia di una 15enne su presunti atti sessuali subiti. L’inchiesta ha fatto emergere altre 6 vittime delle ‘attenzioni’ dell’indagato, che secondo l’accusa sarebbero avvenute nell’ufficio di presidenza dove le convocava con la scusa di discuterne il rendimento scolastico. Nei confronti dell’uomo è stata eseguita un’ordinanza cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Caltagirone su richiesta della locale Procura.

Le indagini

Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla Procura di Caltagirone, sono scaturite dalla querela sporta, lo scorso maggio, da una studentessa di 15 anni di un istituto scolastico di un comune in provincia di Catania. La giovane ha raccontato di avere subito, da parte del proprio dirigente scolastico, soprattutto durante più convocazioni nell’ufficio di presidenza, delle attenzioni simili a un corteggiamento, abbracci e ‘like’ su alcune delle sue foto sul proprio profilo Instagram.
A darle la spinta a farla recare dai carabinieri, ha ricostruito ai militari dell’Arma, è stato l’episodio in cui il preside, dopo averla chiamata nel suo ufficio e aver chiuso la porta, le avrebbe chiesto dei “bacini”, proponendosi altresì di darle dei “morsi”. L’uomo l’avrebbe anche baciata sul collo e non sarebbe riuscito ad andare oltre solo per le resistenze opposte dalla ragazza.
Dopo la denuncia sono state avviate d’urgenza attività investigative che, sottolinea la Procura di Caltagirone, «hanno consentito di ricostruire un quadro più ampio, nel quale altre studentesse minorenni avrebbero patito avance simili a quelle denunciate dalla 15enne». I carabinieri hanno ascoltato sei giovani ragazze con l’ausilio di un esperto in psicologia, ognuna delle quali ha raccontato le presunte molestie subite dal preside. Grazie a queste testimonianze, scrive la Procura, è stato delineato il contestato modus operandi dell’arrestato, il quale avrebbe convocato le studentesse nel proprio ufficio, creando una situazione di intimità con le minorenni, con il pretesto di discutere del loro rendimento scolastico mentre in in realtà, è la tesi dell’accusa, avrebbe tentato un approccio con loro.
Le indagini, osserva la Procura, «hanno permesso di acquisire un importante quadro indiziario nei confronti dell’arrestato per tali episodi avvenuti nel corso dell’anno scolastico, aggravati dalla minore età delle persone offese, nonché dall’aver agito quale pubblico ufficiale nell’ esercizio delle sue funzioni di dirigente all’interno di un istituto di istruzione». In esecuzione del provvedimento cautelare emesso dal gip l’uomo è stato posto agli arresti domiciliari. In sede di interrogatorio di garanzia innanzi al giudice per le indagini preliminari di Caltagirone, l’indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere, rilasciando unicamente delle dichiarazioni spontanee

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x