Ultimo aggiornamento alle 15:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

ok al piano

Dimensionamento scolastico, passo indietro sull’accorpamento Convitto-Spirito Santo

Nel capoluogo il “Fermi” mantiene l’autonomia e guiderà un grande polo con “Brutium”, commerciale e geometra. A Rende fusione classico, scientifico e commerciale

Pubblicato il: 16/10/2023 – 14:38
Dimensionamento scolastico, passo indietro sull’accorpamento Convitto-Spirito Santo

COSENZA Adesso è ufficiale: il liceo classico “Bernardino Telesio” di Cosenza (nella foto l’ingresso della sede storica) manterrà – come già anticipato dal Corriere della Calabria sabato scorso  – la propria autonomia: l’ufficialità arriva adesso che il piano di dimensionamento scolastico è stato approvato in via definitiva nel Consiglio provinciale.
Anche alla luce delle recenti proteste in piazza, la notizia riguardante il Telesio era una delle più attese: passo indietro, invece, sull’accorpamento dell’omonimo convitto nazionale  con la scuola media “Fratelli Bandiera” della vicina via Spirito Santo, ipotizzato ancora ieri dalla presidente della Provincia Rosaria Succurro.
Lo scientifico “Scorza” manterrà la propria autonomia, così come il “Fermi” – di cui in origine lo Scorza era una succursale – che “guiderà” un grande polo comprendente l’Iis Polo tecnico-scientifico “Brutium”, l’Itc “Pezzullo” (normale più serale) e l’Itg “Quasimodo” (numero alunni in base all’organico di diritto 2023/2024: 1.335).
Confermato invece l’accorpamento dei due licei rendesi (il classico “Gioacchino da Fiore” e lo scientifico “Pitagora”) cui però va ad aggiungersi anche l’Itc “V. Cosentino”(2.146 alunni), così come – a  cavallo tra Rende e Cosenza – la fusione dell’Ipssar “Todaro”, con il convitto e i corsi serali, all’Iis “Mancini-Tommasi” di via Consalvo Aragona (963 alunni).
Nell’area urbana, a Castrolibero si conferma la fusione tra lo scientifico “Valentini” e l’Itcg “Majorana” (1.027 alunni).
All’Ipsia “G. Marconi”di Cosenza si uniranno invece l’istituto tecnico commerciale “Guarasci” di Rogliano, l’Ipsia di Montalto Uffugo, lo scientifico “Guarasci” di Rogliano,  l’Ipseoa della casa circondariale di Cosenza e l’Ipsaar (normale e serale) di Scigliano (859 alunni).

In provincia

Altre conferme: ad Acri lo scientifico-classico “Julia” si fonderà con l’Itcgt “Falcone” (765 alunni). Sullo Jonio, tre gli accorpamenti che dovrebbero riguardare Corigliano-Rossano (Iis Rossano via Nestore Mazzei-Iis “Falcone Borsellino” 1.767 alunni; Iis “Palma” Corigliano-Iis Rossano via Nazionale-Itg “Falcone-Borsellino” 1.348 alunni; Iis Corigliano via Torrelunga-Iis Rossano via A. De Florio 1.962 alunni), mentre tra Bisignano e Luzzi si riuniscono lo scientifico di Bisignano e il classico più l’artistico di Luzzi (484 alunni). 
Sul Tirreno cosentino si va all’accorpamento del classico di Cetraro con l’artistico di Cetraro, l’industriale “Fermi” di Fuscaldo e l’istituto tecnico per il turismo di Acquappesa (totale 1.019 alunni); a Paola un grande polo didattico potrebbe sarà costituito da Ipsc, Ipseoa (con casa circondariale e scuola serale), Ipsia, Itcg e Magistrale (954 alunni).
Infine il grande Polo liceale di Castrovillari (1.108 alunni) composto da classico, istituto d’arte, “Mattei” (Iis e scientifico) più lo scientifico di Mormanno.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x