Ultimo aggiornamento alle 22:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

cloaca maxima

Le criticità dell’impianto di depurazione di Coda di Volpe. Le pompe di sollevamento «hanno lavorato oltre il limite»

La testimonianza al tribunale di Cosenza. «Le pompe hanno dato una infinità di problemi»

Pubblicato il: 20/10/2023 – 7:57
di Fabio Benincasa
Le criticità dell’impianto di depurazione di Coda di Volpe. Le pompe di sollevamento «hanno lavorato oltre il limite»

COSENZA Si torna in aula dinanzi al tribunale di Cosenza per l’udienza del processo scaturito dall’inchiesta “Cloaca Maxima” coordinata dalla procura guidata da Mario Spagnuolo. L’indagine affidata ai carabinieri forestali è partita a seguito di alcune denunce presentate dai cittadini residenti nelle aree contigue all’impianto di depurazione del fiume Crati. In aula è stato sentito uno degli imputati: Vincenzo Cerrone, direttore dell’impianto di depurazione in contrada Coda di Volpe a Rende.

«Erano previste 5 pompe di sollevamento, la Geko ne comprò 4»

Il pm Cozzolino ascolta, insieme agli avvocati del collegio difensivo, la testimonianza resa dal teste. Che mette subito a nudo le criticità dell’impianto. «Alcuni lavori non furono effettuati, come la vasca di stabilizzazione dei fanghi. Erano previste delle somme sulla postilla di appalto che fu assegnato alla Geko, senza gara e senza offerta, per un importo pari a 2 milioni e 700mila euro». L’attenzione poi si sposta sul funzionamento delle attrezzature della stazione di sollevamento. «Erano previste cinque pompe di sollevamento, mentre la Geko ne comprò 4», dice Cerrone. Che aggiunge: «il fornitore durante la movimentazione distrusse alcuni quadri che non furono sistemati. Furono riparati da un punto di vista visivo, non sappiamo se fu fatta una riparazione anche all’interno». C’era o non cera la predisposizione della quinta pompa a coda di volpe? Chiede un avvocato. Il teste risponde: «Quando il Consorzio Valle Crati (gestore dell’impianto di depurazione) chiese alla provincia il permesso di poter scaricare indicò cinque pompe. E’ stata mai fatta un’attività ispettiva da parte della provincia? «Due volte è stata sull’impianto, una durante la fase di autorizzazione e poi la seconda qualche mese prima che il Consorzio Valle Crati concedesse l’autorizzazione definitiva». Tuttavia, avrà modo di precisare il teste: «Le due autorizzazioni provvisorie della provincia prevedevano delle prescrizioni, le principali erano adeguamenti all’ingresso dell’impianto e non fu fatto; all’impianto di disinfezione e non fu fatto; la presenza di cinque pompe e ve ne erano solo 4 ed infine la presenza a valle dell’impianto di una stazione di sollevamento».

Il punto di prelievo

C’è un altro dettaglio svelato dal testimone e riguarda il punto di prelievo dello scarico, indicato dal Consorzio Valle Crati, «diverso rispetto a quello solitamente indicato». Il percorso compiuto dal refluo viene ricostruito da Cerrone. «Il refluo arriva in impianto tramite un canale che si divide in due. Uno porta al bypass dell’impianto e l’altro conduce i reflui alla grigliatura. Le tubazioni necessarie e utilizzate per sollevare il refluo sono molto delicate e arrivava materiale che intasava la stazione di sollevamento. Le pompe hanno dato una infinità di problemi», confessa il teste. Che in aula critica l’intero sistema di funzionamento dell’impianto di depurazione, anche in relazione all’organizzazione del lavoro, spesso gestito da poche unità di personale.
«Sono stati fatti diversi interventi e posso dire che le pompe hanno lavorato ben oltre il limite del collaudo». Cerrone cita alcuni episodi relativi alla rottura delle pompe. «A fine 2016, si rompe una pompa: il fornitore la ritira per ripararla e dopo tre mesi non riusciva a fornirci delle spiegazioni relative al guasto. Ad inizio 2017, si rompono altre due pompe, si bruciano. E dunque non si poteva sollevare nulla». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x