Ultimo aggiornamento alle 7:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

i controlli

Sfruttamento dei migranti nel Reggino, denunciate 4 persone

Operazione “Ghost work” della polizia. Controllate quattro aziende e 109 persone. Sono state elevate multe per 96mila euro

Pubblicato il: 13/11/2023 – 13:16
Sfruttamento dei migranti nel Reggino, denunciate 4 persone

REGGIO CALABRIA La polizia italiana ha fatto controlli su aziende e persone nell’ambito dell’operazione nazionale “Ghost work’, finalizzata al contrasto al lavoro nero connesso all’immigrazione irregolare. La polizia italiana ha controllato nella provincia di Reggio Calabria nove aziende e 109 persone nell’ambito dell’operazione ‘Ghost work’, condotta a livello nazionale per il contrasto al fenomeno del lavoro nero connesso all’immigrazione clandestina.
Tutta la provincia è stata interessata dalla vasta attività di controllo che si è svolta venerdì scorso. Impiego di lavoratori irregolari in vari settori.
L’operazione è stata orientata, in particolare, ad effettuare controlli combinati in diversi punti di raccolta di lavoratori stranieri irregolari destinati a svolgere giornate lavorative in aziende agricole, opifici o esercizi commerciali e ha riguardato due aree principali: quella della Piana di Gioia Tauro, con la specifica finalità di verificare le condizioni di sfruttamento dei cittadini extracomunitari stanziali nella tendopoli di San Ferdinando, e la città di Reggio Calabria, con l’obiettivo di controllare le condizioni di regolarità dei lavoratori stranieri utilizzati come mano d’opera all’interno degli esercizi commerciali, e in particolare degli autolavaggi.
Quattro denunce e multe per 96 mila euro. Gli agenti della squadra mobile, con il supporto della Sisco, del V Reparto Volo di Reggio Calabria e del Reparto prevenzione crimine di Siderno, in sinergia con personale dell’ispettorato del lavoro, hanno eseguito una serie di perquisizioni, controlli e verifiche. Una persona è stata denunciata per protezione di sostanze stupefacenti, dovuta per soggiorno irregolare ed una per assunzione di lavoratori clandestini. In un esercizio commerciale è stata accertata la presenza di tre lavoratori in nero, e pertanto è stata sospesa l’attività. Sono state anche date diverse sanzioni amministrative, per un totale complessivo di circa 96 mila euro. Nel corso delle perquisizioni, inoltre, sono stati sequestrati 120 grammi di droga, mentre per due soggetti irregolari sul territorio nazionale è stata disposta l’espulsione.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x