Ultimo aggiornamento alle 23:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

la replica

Molinaro: «La Commissione antindrangheta è un’istituzione che lavora seriamente»

Militano: «Al Presidente Molinaro sfugge però la potenza evocativa dei simboli e dei gesti, cosi come ignora l’ostinazione dei fatti»

Pubblicato il: 16/11/2023 – 12:57
Molinaro: «La Commissione antindrangheta è un’istituzione che lavora seriamente»

«“Il Corriere della Calabria” pur di attaccare il sottoscritto, attività in cui si cimenta da anni, ed a cui ovviamente non do alcun peso, ha messo in discussione l’esistenza della Commissione del Consiglio Regionale contro il fenomeno della ‘ndrangheta, strumentalizzando i gravissimi episodi criminali che stanno investendo la Sibaritide ed il Tirreno Cosentino. Davvero un pessimo servizio alla Calabria ed alla lotta alla ‘ndrangheta. Non posso permettere che venga attaccata una Commissione consiliare che lavora su un terreno tanto delicato quanto pericoloso». Questo è quanto dichiara il presidente della Commissione del Consiglio regionale contro la ‘ndrangheta, Pietro Molinaro, in riferimento ad un articolo pubblicato dal giornale on-line che, ancora a detta di Molinaro «sminuisce e cerca di banalizzare l’attività della Commissione e prova anche a mettere zizzania tra noi componenti che in questi mesi abbiamo lavorato in piena sintonia e serietà, com’è doveroso per la tematica che trattiamo». «Il tentativo – prosegue il presidente della Commissione – è di creare tensioni tra di noi componenti della Commissione, ma, come sempre, decideremo insieme come e quando proseguire la discussione dei mesi scorsi sulla situazione nella Sibaritide e nel Tirreno Cosentino, una preoccupante situazione che merita serietà e sobrietà di linguaggio da parte di chi fa informazione». «Nell’articolo – sottolinea nella sua replica Molinaro – si cerca di banalizzare un atto ufficiale come il Piano speciale legalità, antiracket e antiusura, approvato all’unanimità dalla Commissione e dalla Giunta regionale ed a cui si è giunti dopo un significativo percorso di audizioni che hanno coinvolto decine di organizzazioni/associazioni che quotidianamente operano per il contrasto alla criminalità organizzata. Anziché liquidare il Piano come un atto meramente burocratico, sarebbe stata opportuna un’analisi del suo contenuto; anche per criticarlo, eventualmente, ma con cognizione di causa e dimostrando di averlo almeno letto! Il Piano comprende l’impegno alla costituzione in giudizio della Regione nei procedimenti contro la ‘ndrangheta, il collocamento obbligatorio in favore delle vittime della criminalità organizzata e dei loro familiari. Ed ancora: l’aiuto ai comuni che escono dai periodi di scioglimento dei consigli comunali per infiltrazioni criminali, la lotta all’usura ed il sostegno alle famiglie in condizione di sovraindebitamento. E poi, un impegno forte e costante a trecentosessanta gradi dell’intera commissione sulla cultura della legalità a partire dalle scuole». «Sono stati auditi i sindacati sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e ultimamente, con una serena discussione alla presenza dell’imprenditore De Masi che ha rilasciato una toccante testimonianza, è stata approvatala Proposta di Legge per riconoscere una premialità e la possibilità di continuare a fare impresa a coloro i quali si oppongono alle pressioni della ‘ndrangheta e della criminalità organizzata». Vorremmo tutti maggiori attribuzioni alla Commissione – chiarisce Molinaro – ma non possono essere quelle della Commissione Parlamentare Antimafia che può procedere alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria». La Commissione antindrangheta – conclude Molinaro – è un’istituzione che lavora seriamente e dovrebbe essere rispettata senza tentare, con “mezzucci”, di delegittimarla. Per il bene della Calabria. E di nessun altro!».

La controreplica del direttore Paola Militano:

«La replica del Presidente della Commissione antindrangheta, Pietro Molinaro, è di certo uno scivolone, l’ennesimo. La si potrebbe liquidare velocemente dicendo che “quando il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito” ma faremmo torto ad una istituzione il cui valore va tenuto in grande considerazione, al di là di chi la presiede pro-tempore. Al Presidente Molinaro sfugge però la potenza evocativa dei simboli e dei gesti, così come ignora l’ostinazione dei fatti. La Commissione che si riunisce una volta ogni 45 giorni, infatti, potrebbe dare un contributo decisivo per «bonificare» il territorio dalle logiche delle organizzazioni criminali ma, forse, il suo Presidente è più interessato ad un altro tipo di bonifica.  Potrebbe essere questa la lagnanza circa i presunti “attacchi” subiti ma giova ricordare che ci siamo occupati diffusamente di Pietro Molinaro quando, alla testa di una organizzazione agricola, era il dominus dei Consorzi di Bonifica calabresi e, più recentemente, per l’iperattivismo nel contrastare sottotraccia il progetto di riforma varato dalla Giunta regionale. A giudicare da come è andata a finire la vicenda degli enti consortili potremmo semplicemente dire di aver avuto ragione».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x