Ultimo aggiornamento alle 12:19
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il fatto

Dottoressa uccisa, indagini nel vivo per ricostruire il movente del barbaro omicidio

Sotto la lente l’agguato a Santa Cristina d’Aspromonte. Ascoltato il marito della vittima: l’uomo ha sentito i colpi ma non ha visto chi ha sparato

Pubblicato il: 19/11/2023 – 7:41
Dottoressa uccisa, indagini nel vivo per ricostruire il movente del barbaro omicidio

REGGIO CALABRIA Riserbo assoluto e comprensibile ma indagini nel vivo per ricostruire il movente del barbaro omicidio di Francesca Romeo, la dottoressa di 67 anni, Francesca Romeo, uccisa a colpi di fucile mentre rincasava dopo un turno di lavoro nella guardia medica di Santa Cristina d’Aspromonte. L’agguato è stato teso sulla Sp2 mentre la donna si trovava nell’auto con il marito, il 66enne Antonio Napoli, rimasto ferito. Indagini nel vivo ma ovviamente complesse, perché – come hanno dichiarato ieri fonti investigative (leggi qui) – si tratta di un omicidio definito “strano” perché commesso con modalità tipiche della ‘ndrangheta ma ai danni di una coppia di coniugi estranei ad ambienti malavitosi, un omicidio che – secondo una prima ipotesi investigativa – non sarebbe dunque legato alla criminalità organizzata.  Secondo quanto riporta la “Gazzetta del Sud”, gli investigatori avrebbero già ascoltato il marito della vittima, ricoverato all’ospedale di Polistena: l’uomo avrebbe parlato agli inquirenti di due colpi, il primo andato a vuoto il secondo invece mortale, ma avrebbe detto di non aver visto chi ha sparato. Secondo alcune fonti investigative a compiere il delitto sarebbe stata una sola persona, poi fuggita nelle campagne circostanti: i colpi sarebbero stati sparati da distanza ravvicinata. In ogni caso, gli investigatori – il reparto della Scientifica della polizia della questura di Reggio Calabria e il commissariato di Gioia Tauro coordinati dalla Procura di Palmi  – non escludono alcuna pista e hanno già intensificato le indagini per chiarire i contorni di un delitto al momento misterioso, un delitto che ha messo sotto la comunità di Seminara, dove viveva la coppia, e ha suscitato lo sdegno generale della società e delle istituzioni calabresi. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x