Ultimo aggiornamento alle 14:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

la decisione

Il boss di Cetraro Franco Muto non tornerà in carcere

La Cassazione rigetta il ricorso della procura generale. Accolte le argomentazioni dell’avvocato Rizzo. Il “Re del Pesce” resta ai domiciliari

Pubblicato il: 30/11/2023 – 16:09
Il boss di Cetraro Franco Muto non tornerà in carcere

ROMA La Corte di Cassazione, decidendo sul ricorso della Procura Generale della Corte d’Appello di Sassari, avverso il provvedimento che disponeva la detenzione domiciliare di Franco Muto, ha rigettato definitivamente ed integralmente il ricorso. Sono state accolte le argomentazioni dell’ avvocato Michele Rizzo difensore di Muto, alias il “Re del Pesce”. Il presunto boss continuerà ad espiare la pena in regime di detenzione domiciliare nella sua abitazione a Cetraro. Il procuratore generale di Sassari, in particolare, contestava la decisione del Riesame di Sassari che a febbraio 2023 aveva concesso il regime dei domiciliari a Muto, all’epoca detenuto per la condanna a 20 anni di reclusione inflitta dalla Corte di Appello di Catanzaro nell’ambito dell’inchiesta “Frontiera”. Muto era ritenuto «capo e promotore» del potente clan di ‘ndrangheta attivo sul Tirreno cosentino. Al termine della requisitoria del procuratore generale e dell’arringa del legale di Muto, l’avvocato Michele Rizzo, i giudici del Tribunale di Sorveglianza di Sassari aevavno confermato i domiciliari per Muto. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x