Ultimo aggiornamento alle 10:09
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’allarme

‘Ndrangheta e criminalità rom: da gruppi violenti a “bastone” dei clan

Sempre più numerosi e insistenti gli episodi, soprattutto nelle periferie di Reggio Calabria. Gli inquirenti: «Lo Stato fa fatica»

Pubblicato il: 02/12/2023 – 8:21
‘Ndrangheta e criminalità rom: da gruppi violenti a “bastone” dei clan

REGGIO CALABRIA Da piccola criminalità predatoria, a «bastone della ‘ndrangheta calabrese». Hanno pochi dubbi gli inquirenti, reggini e calabresi, sulle inquietanti connessioni tra blasonate cosche di ‘ndrangheta e delinquenza di etnia rom. La ‘Ciambra’ di Gioia Tauro, contrada ‘Scordovillo’ di Lamezia Terme, i quartieri cittadini di Arghillà e Ciccarello a Reggio Calabria, alcune zone della Sibaritide, i quartieri dell’area est di Catanzaro, sono diventate zone dove «lo Stato fatica parecchio a imporre le proprie leggi».

Il “bastone” dei clan

L’ultima operazione della procura della Repubblica di Reggio Calabria, nei suoi contenuti, riconferma con nettezza l’organicità di alcuni «violenti gruppi di criminalità rom agli obiettivi della ‘ndrangheta: spedizioni punitive nei confronti di imprenditori che rifiutano di pagare, incendi e danneggiamenti, furti di autovetture e di automezzi restituiti con il cosiddetto “cavallo di ritorno”, un riscatto da pagare per avere restituito il proprio automezzo. «Il modus operandi – scrivono gli inquirenti – era sempre lo stesso. Il gruppo degli arrestati odierni agiva in maniera consolidata e sistematica. Forzando cancelli e porte di ingresso, con inusitata spavalderia si introducevano nei cantieri impadronendosi di attrezzi da lavoro e mezzi pesanti senza alcuna titubanza pur di assicurare la refurtiva, allontanandosi da tali luoghi a bordo dei mezzi rubati, attraversando la città, confidando evidentemente nell’impunità».

La periferia reggina

Nelle case popolari di Arghillà, quartiere della periferia nord di Reggio Calabria, secondo le indagini del recente passato, dominano i fratelli Cosimo, detto ‘Coco”, Andrea e Fabio Morelli, federati alle cosche “Rugolino” e “Condello”, coinvolto nell’operazione ‘Eracle’ nel 2017. Arghillà’, con l’arrivo dei rom, si è trasformato in una fiorente piazza di spaccio e di compravendita di oggetti, anche armi, spesso frutto di furti ai danni della popolazione della zona. Stesso livello di allarme per i quartieri ‘Ciccarello’ e ‘Marconi’, nella periferia sud di Reggio Calabria, dove sono attivi gli Amato ei Berlingieri, dove si contano quotidianamente furti in abitazioni, rapine, scippi, e la vendita di stupefacenti è cresciuta a dismisura, come testimonia la recentissima operazione della Dda sulla cosca ‘Borghetto-Latella’. In questi due quartieri, il leader indiscusso dei rom, secondo gli inquirenti, è Cosimo Berlingieri, detto ‘il pappagallo’, condannato a dieci anni per associazione mafiosa, salito alla notorietà per avere aggredito e in maniera violenta un noto imprenditore reggino del ramo della ristorazione che non aveva pagato la tangente agli emissari della cosca ‘Libri’». (AGI)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x