Ultimo aggiornamento alle 11:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

le misure

Assenteismo all’Asp di Reggio Calabria, nei guai due dirigenti medici

Indagine della Guardia di Finanza coordinata dalla Procura di Palmi. Il reato ipotizzato è truffa e false attestazioni di presenza in servizio

Pubblicato il: 04/12/2023 – 8:57
Assenteismo all’Asp di Reggio Calabria, nei guai due dirigenti medici

I Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi diretta da Emanuele Crescenti, stanno dando esecuzione ad un provvedimento emesso dal gip del locale Tribunale, che dispone l’applicazione di misure cautelari personali e reali nei confronti di due dirigenti medici dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria, ritenuti responsabili di condotte di assenteismo. In particolare, sulla base delle risultanze delle indagini fin qui svolte e fatte salve successive valutazioni in merito all’effettivo e definitivo accertamento della responsabilità nelle successive fasi del giudizio, l’Autorità Giudiziaria ha disposto in via cautelare la misura interdittiva della sospensione dall’esercizio della professione medica e dal rispettivo rapporto di lavoro, nonché il sequestro delle somme che gli indagati avrebbero indebitamente percepito a fronte di ore di lavoro dichiarate ma mai effettuate, contestando i reati di “truffa aggravata ai danni dello Stato” e di “false attestazioni della presenza in servizio”.

L’assenteismo

Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Palmi, avviate a seguito di una missiva che denunciava frequenti e sistematiche assenze presso una struttura territoriale dell’Asp di Reggio Calabria, hanno permesso di rilevare come gli indagati avessero adottato, quale prassi consolidata, quella di assentarsi dal proprio luogo di lavoro. I Finanzieri, attraverso una meticolosa attività investigativa, hanno infatti riscontrato come gli indagati, contravvenendo ai propri doveri, si assentassero sistematicamente senza alcuna valida ragione di servizio per rientrare presso le proprie abitazioni o per esigenze di carattere personale, come recarsi al supermercato o alle poste, per poi rientrare solo in prossimità del termine dell’orario di servizio, certificando, solo in quel momento, l’uscita con il badge. All’esito delle indagini, tenuto anche conto della funzione dirigenziale dei due medici nell’ambito struttura sanitaria, di conseguenza astrattamente rivestiti di maggiori responsabilità, il Giudice per le Indagini Preliminari allo stato del procedimento ed impregiudicata ogni diversa successiva valutazione nel merito ha disposto l’interdizione per 12 mesi e il sequestro delle somme indebitamente percepite quale retribuzione per le prestazioni lavorative attestate ma mai svolte.

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x