Ultimo aggiornamento alle 7:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la polemica

Franz Caruso risponde a Minasi: «Chieda conto a Salvini sull’alta velocità»

Continua il botta e risposta tra il sindaco di Cosenza e la senatrice leghista

Pubblicato il: 05/12/2023 – 19:18
Franz Caruso risponde a Minasi: «Chieda conto a Salvini sull’alta velocità»

COSENZA «La risposta della senatrice della Lega alle affermazioni del Sindaco di Cosenza, qualificano la stessa soprattutto per il rispetto istituzionale che il rappresentante di un organo costituzionale dovrebbe sempre garantire nei confronti di un rappresentante degli Enti Locali, a prescindere da posizioni ideologiche e partitiche. Ed, infatti, “le singole persone fanno nobile la stirpe”. Detto ciò, la senatrice Minasi anziché speculare su una evidente provocazione del Sindaco di Cosenza Franz Caruso per buttarla in polemica, chieda piuttosto conto al suo amico Matteo Salvini e si rivolga al presidente Occhiuto affinché possa scongiurare che il fondato rischio paventato non diventi realtà irreversibile». È quanto afferma il gruppo Franz Caruso sindaco a Palazzo dei Bruzi, rimandando al mittente la nota polemica con la quale la senatrice della Lega  tenta di sminuire le preoccupazioni espresse dal sindaco Franz Caruso rispetto al fondato pericolo di perdere un’occasione di reale sviluppo della Calabria, qual è l’alta velocità. «La novella esperta in infrastrutture di trasporto – prosegue il gruppo consiliare – infatti, probabilmente non sa che l’unico lotto  della linea ad alta velocità Sa-Rc finanziata col Pnrr è quello afferente la  tratta Battipaglia – Romagnano, peraltro già andato in appalto. I successivi lotti Romagnano – Praia, Praia – Tarsia e raddoppio Galleria Santomarco sono tutti finanziati con risorse statali di cui al Fondo Complementare approvato con legge n101/21 Art.4, e pertanto assolutamente rimodulabili fin dalla prossima legge di bilancio. Pertanto il rischio paventato dal Sindaco di Cosenza non solo è reale e realizzabile ma è addirittura quasi imminente alla luce delle pretestuose ragioni che stanno emergendo, nel corso del dibattito pubblico, a giustificazione del cambio di tracciato. Non è, poi, affatto fuori luogo il timore secondo cui il cambio di tracciato possa essere un pretesto per fare fermare l’ Alta Velocità a Praia a Mare e non realizzare più nulla nel resto del territorio calabrese. Nondimeno la Minasi non ha ancora capito che la linea ad alta velocità Salerno – Reggio non deve come obiettivo velocizzare la relazione Roma- Reggio Calabria, bensì riconnettere l’intera Calabria alla rete ad AV nazionale. Il modello Minasi invece prevede una marginalizzazione della Calabria ancor più grave di quella attuale. Questo è il pensiero della lega ma non dei Calabresi. «L’alta velocità e il ponte – conclude il gruppo Franz Caruso Sindaco – per come ritiene il sindaco Franz Caruso, hanno senso se si opera una ricucitura con la fascia ionica e la dorsale adriatica, che può essere garantita e  assicurata solo ed esclusivamente con un tracciato “autostradale” dell’ AV».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x