Ultimo aggiornamento alle 11:01
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’inchiesta

Sequestrati beni per quasi 3 milioni a società in passato “legata” alla ‘ndrangheta

L’azienda è attiva nel mondo della grande distribuzione alimentare con un «pregresso coinvolgimento» da parte di una cosca calabrese

Pubblicato il: 05/12/2023 – 10:45
Sequestrati beni per quasi 3 milioni a società in passato “legata” alla ‘ndrangheta

MESSINA Quasi tre milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Messina a una nota società attiva nella gestione di supermercati e presente in numerosi centri della fascia tirrenica della provincia. Le indagini sono scattate a seguito di un’attività di controllo tributario effettuato dalla Direzione provinciale dell’Agenzia delle Entrate, con cui il 25 ottobre scorso la Guardia di finanza di Messina e Procura di Barcellona Pozzo di Gotto hanno siglato un accordo di collaborazione, avente proprio la finalità di rendere più tempestivi i flussi informativi in tema di reati tributari. Gli accertamenti, effettuati dai militari del nucleo di Polizia economico – finanziaria di Messina, hanno permesso di accertare come la società, in relazione al periodo d’imposta 2019, avesse omesso di versare l’imposta sul valore aggiunto per un ammontare pari a circa 3 milioni di euro, nonostante oggetto di corrispondente dichiarazione Iva presentata nel settembre 2020, ma soprattutto un evidente stato economico fortemente dissestato. Di qui la richiesta di sequestro avanzata dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto al giudice e, successivamente, l’intervento del Tribunale di Messina – Collegio per il Riesame che, con l’odierna ordinanza, ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente. In concreto, la misura ablativa ha interessato i saldi dei conti correnti societari e del legale rappresentante, estesa, inoltre, alle quote societarie di sua proprietà e unità immobiliari, fino all’intera concorrenza dell’importo oggetto dell’omesso versamento. L’azienda ispezionata era già nota alla cronaca giudiziaria e agli organi giudiziari e investigativi, spiegano dal Comando provinciale della Guardia di finanza di Messina, per «il suo pregresso coinvolgimento in significative attività di indagine, aventi a oggetto la gestione monopolistica, da parte di una cosca di ‘Ndrangheta calabrese, proprio del remunerativo settore della grande distribuzione alimentare e delle attività economiche collegate».

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x