Ultimo aggiornamento alle 7:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

economia

Patto di stabilità, Gentiloni: «Fiducioso su un accordo»

Così il commissario Ue. Testo comune Italia-Francia-Germania-Spagna sul deficit

Pubblicato il: 08/12/2023 – 10:03
Patto di stabilità, Gentiloni: «Fiducioso su un accordo»

BRUXELLES Nel negoziato sulla riforma del Patto di stabilità «i negoziati si sono concentrati principalmente sugli aggiustamenti minimi chiesti quando uno Stato membro è in procedura per disavanzo eccessivo e sulla loro modulazione in base a investimenti e a riforme. Sul tavolo c’è un compromesso preparato da Francia, Germania, Italia e presidenza spagnola. Gli Stati si impegnano a esaminarlo in modo costruttivo. Terrà conto dell’impatto dell’aumento dei tassi di interesse nel periodo 2025-2027 e fornirà il margine di manovra necessario per continuare a investire e intraprendere riforme strutturali». Lo si apprende da fonti diplomatiche.
Sulla riforma del Patto di stabilità nella notte «abbiamo avuto una discussione positiva. Sono stati fati progressi sostanziali per un buon bilanciamento tra le salvaguardie e il bisogno di trovare spazio per investimenti e crescita. La missione non è compiuta. Abbiamo bisogno di ulteriore lavoro ma sono fiducioso che un accordo possa essere raggiunto nei prossimi giorni», ha detto il commissario Ue all’Economia Paolo Gentiloni arrivando all’Ecofin. «Possiamo essere sufficientemente fiduciosi che ci sia un accordo entro fine anno», ha sottolineato.
«Oggi nella riunione dell’Ecofin verrà approvati la revisione di 13 Pnrr tra cui quello italiano e questo naturalmente sarà una spinta per continuare a lavorare e accelerare l’attuazione dei piani di ripresa e che sono parte di questa importante necessità di rafforzare gli investimenti», ha detto il commissario Ue all’Economia.
«Speriamo di concludere» sulla riforma del Patto di stabilità «nei prossimi giorni e, se necessario, convocheremo anche una riunione straordinaria dell’Ecofin in modo da poter concludere un accordo politico entro la fine dell’anno», ha spiegato la vicepremier spagnola Nadia Calvino, alla presidenza di turno dell’Ue arrivando alla riunione dell’Ecofin a Bruxelles.  Se sarà necessario convocare un Consiglio Ecofin straordinario per completare il lavoro e avere il via libera sulla riforma del Patto di stabilità «sarà dopo il Consiglio europeo, quindi nella settimana dal 18 dicembre», ha spiegato la vicepremier spagnola. Il Consiglio europeo si riunirà il 14 e 15 dicembre.
Nella notte si sono conclusi, senza un’intesa, i lavori della cena pre-Ecofin, convocata per cercare un accordo sulla riforma del Patto di stabilità. E’ quanto si apprende da fonti diplomatiche a conoscenza del negoziato, che parlano di un «buon progresso» registrato, ma riferiscono del bisogno di ulteriori consultazioni politiche e legali. La presidenza spagnola di turno dell’Ue valuterà su come procedere e sull’idea di un possibile nuovo Ecofin straordinario. 
«Questa sera abbiamo compiuto progressi essenziali sulla riforma delle regole di bilancio europee, in particolare grazie alla presidenza spagnola. Un accordo in seno al Consiglio dovrebbe essere raggiunto entro la fine dell’anno. Questo accordo fisserà regole coerenti e riconoscerà l’importanza degli investimenti e delle riforme. Continuiamo!», ha dichiarato il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire dopo la cena Ecofin conclusa poco prima delle 4 sulla riforma del Patto di stabilità.
L’intervento del ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, nel corso della cena Ecofin ha ribadito alcuni dei concetti già espressi negli ultimi giorni, a partire da quanto ha detto nell’intervento in commissione bilancio di Camera e Senato martedì. E’ quanto si apprende da fonti italiane. Giorgetti ha segnalato ad esempio che le regole fiscali devono essere coerenti con gli obiettivi politici dei Paesi e più in generale europei, previsti anche dal Pnrr, con la transizione verde e digitale e con la difesa. Secondo il ministro la riduzione del debito deve essere graduale, realistica e sostenibile. Giorgetti ha poi espresso apprezzamento per le parole della Francia che ha sottolineato l’importanza di avere flessibilità nelle regole. Una assonanza con la posizione dell’Italia è emersa nell’intervento della Finlandia, con la ministra Riikka Purra, che si sarebbe espressa a favore di un’estensione del rientro del debito da 4 a 7 anni e rispetto all’idea che ogni paese deve prendere ulteriori impegni dopo la scadenza del Pnrr nel 2027.

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x