Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

Basso Profilo, i giudici: «Quello di Talarico non fu uno scambio politico mafioso»

Queste le motivazioni della Corte d’Appello alla base della condanna ridotta all’ex presidente del Consiglio regionale

Pubblicato il: 13/12/2023 – 9:10
Basso Profilo, i giudici: «Quello di Talarico non fu uno scambio politico mafioso»

CATANZARO «Non risulta che nell’accordo si prevedesse esplicitamente il ricorso ad affiliati ad associazioni di tipo mafioso per la raccolta dei consensi» e ancora «né Antonio Gallo, né Natale Errigo, né Antonino Pirrello avevano per Franco Talarico una fama criminale riconosciuta, collegata alla loro appartenenza a clan mafiosi». Sono alcuni dei punti salienti emersi dalle motivazioni della sentenza emessa dalla Corte d’Appello con la quale l’ex assessore regionale e segretario dell’Udc Francesco Talarico è stato condannato ad un anno e 4 mesi di reclusione, con la sospensione della pena. Secondo i giudici, con particolare riferimento ai rapporti con l’ex assessore al Turismo di Simeri Crichi, Saverio Brutto, la promessa della sua assunzione nella segreteria politica di Talarico «non può inquadrarsi come una sorta di contraprestazione appoggio elettorale in cambio dell’assunzione ma una forma di favoritismo clientelare» o ancora «un favore tra colleghi di partito». Per quanto riguarda, invece, accordo elettorale tra gli imprenditori Gallo, Errigo e Pirrello con Talarico, secondo le motivazioni dei giudici «sono provate le richieste formulate in cambio del loro sostegno elettorale e l’accettazione da parte del politico». Dunque, secondo i giudici, «c’è stato un accordo tra il candidato Talarico e i tre imprenditori per avere voti in cambio di favori» ma non sussisterebbe «uno scambio politico mafioso. Né Errigo né Pirrello appartenevano a cosche mafiose». Perché secondo i giudici «solo Gallo certamente apparteneva al sodalizio ma non risulta, tuttavia, che Talarico ne fosse a conoscenza». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x