Ultimo aggiornamento alle 7:33
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La decisione

Danno erariale, condannati ex vertici Asp di Reggio Calabria – I NOMI

La Corte dei conti ha sanzionato Tripodi e Staltari nonché l’imprenditore Fiscer. Dovranno risarcire l’Azienda sanitaria con 4 milioni

Pubblicato il: 13/12/2023 – 20:30
Danno erariale, condannati ex vertici Asp di Reggio Calabria – I NOMI

REGGIO CALABRIA Dovranno risarcire l’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria con oltre 4 milioni di euro l’imprenditore Francesco Fiscer, titolare dello “Studio radiologico srl” di Siderno, l’ex direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria , Ermete Tripodi, e l’ex direttore amministrativo Pasquale Staltari. Lo ha deciso la Corte dei conti nel procedimento per danno erariale scaturito dall’indagine condotta dalla Guardia di finanza sul presunto doppio pagamento di fatture da parte dell’Asp reggina a favore dello “Studio radiologico”. Nella sentenza la Corte dei conti sottolinea che, sulla vicenda dei doppi pagamenti, «emerge in tutta evidenza la piena responsabilità» di Fiscer e, quindi, dello studio radiologico del quale era rappresentante legale e socio accomandatario.
L’imprenditore, infatti, «ha partecipato personalmente e ha sottoscritto l’accordo transattivo con l’Azienda sanitaria provinciale». Secondo i giudici contabili, inoltre, «la piena consapevolezza della natura indebita dei doppi pagamenti emerge altresì dalle intercettazioni telefoniche e dalla movimentazione bancaria, che evidenziano una lucida volontà di tesaurizzarli». Per quanto riguarda l’ex dg Tripodi e l’ex direttore amministrativo Staltari, «dall’esame degli atti – affermano ancora i giudici contabili – emergono la coscienza e volontà del fatto illecito».
Su richiesta della stessa Procura regionale, inoltre, la Corte dei conti ha dichiarato l’improcedibilità nei confronti dell’ex direttore sanitario Salvatore Barillaro e dei funzionari Giuseppe Falcone, Raimondo Delfino, Antonino Vartolo, Bruno Logozzo, Daniela Nocera e Francesco Sorrentino. I sette, infatti, erano stati assolti in via definitiva nel processo penale istruito sulla vicenda, così come l’ex commissario straordinario dell’Asp Santo Gioffré, che si era insediato pochi giorni prima dell’emissione del mandato di pagamento a favore dello “Studio” radiologico” di Siderno. Anche per Gioffré, la Corte dei Conti ha dichiarato l’improcedibilità, riportando il contenuto della sentenza penale di assoluzione in cui il Tribunale di Reggio Calabria aveva definito “diligente”, nel caso specifico, a sua condotta. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x