Ultimo aggiornamento alle 11:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il verdetto

Coltivavano cannabis light, assolti definitivamente due imprenditori di Pizzo

All’interno della loro aziende furono ritrovate 5.260 piante di canapa. In questo caso, però, una “virata genetica delle sementi utilizzate”

Pubblicato il: 12/01/2024 – 11:34
Coltivavano cannabis light, assolti definitivamente due imprenditori di Pizzo

LAMEZIA TERME La seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione ha confermato l’assoluzione di Giuseppe e Antonio Santacroce dal reato di coltivazione di sostanze stupefacenti, dichiarando inammissibile il ricorso per Cassazione che era stato proposto dal Procuratore Generale di Catanzaro, accogliendo invece la tesi difensiva degli avvocati Aldo Ferraro, Vincenzo Cicino e Salvatore Staiano. I due furono tratti in arresto la mattina del 2 settembre 2020 con l’accusa di coltivazione di una piantagione di marijuana. Furono rinvenute, all’interno della loro azienda florovivaistica, 5.260 piante di canapa indiana in perfetto stato vegetativo, nonché 599,34 chili di inflorescenze di marijuana già essiccata.

Il processo

All’esito del giudizio di primo grado, il Tribunale di Vibo Valentia, con sentenza del 13 luglio 2021, ha condannato Antonio Santacroce a 7 anni di reclusione, e Giuseppe Santacroce a 6 anni, per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti, accusa per la quale gli imputati trascorsero oltre un anno e mezzo in carcere, e poi altrettanti agli arresti domiciliari. I difensori degli imputati avevano tuttavia sin da subito contestato la possibilità di configurare il reato di coltivazione illecita di sostanze stupefacenti nei confronti di chi, come i Santacroce, era un’azienda autorizzata alla coltivazione della canapa sativa per usi industriali, in un settore nel quale la legge prevede espressamente che nel caso in cui i valori di principio attivo della sostanza prodotta dovessero essere superiori a una determinata soglia, la sostanza vada distrutta senza che nessuna responsabilità possa addebitarsi al coltivatore. Da tale previsione i difensori hanno quindi sostenuto, con l’autorevole supporto di una consulenza tossicologica della dott.ssa Caterina Iorio, che nel caso di specie si era verificata una virata genetica delle sementi utilizzate, che ancorché rientranti tra quelle “light”, avevano subito un fenomeno di ibridazione che aveva appunto reso la sostanza prodotta da sementi lecite, marijuana con efficacia drogante. E ciò è talmente possibile che si verifichi che lo stesso legislatore aveva introdotto una ipotesi di esclusione di responsabilità per il coltivatore. Tali deduzioni non persuasero però la Corte di Appello di Catanzaro, che lo scorso 22 novembre 2021 confermò la condanna degli imputati.

L’assoluzione

Fu invece la sesta sezione della Corte di Cassazione, con sentenza del 21 settembre 2022, ad annullare le pronunce di condanna, restituendo gli atti alla Corte di Appello per un nuovo giudizio nel quale, appunto, riesaminare le deduzioni difensive, integralmente accolte dalla terza sezione della Corte di Appello di Catanzaro che, con sentenza resa lo scorso 24 marzo 2023, ha assolto gli imputati “perché il fatto non sussiste”. Tale sentenza di assoluzione è stata impugnata dal Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Catanzaro, che pose l’accento sulle dimensioni della coltivazione sequestrata, sul numero delle piante e del quantitativo delle inflorescenze già essiccate, pronte per la commercializzazione. Ricorso però giudicato dalla seconda sezione della Corte di Cassazione inammissibile, accogliendo le conclusioni degli avvocati Staiano, Ferraro e Cicino, segnando il passaggio in giudicato della sentenza assolutoria resa nei confronti dei Santacroce, di cui è stata finalmente, e definitivamente, accertata l’assoluta estraneità rispetto al gravissimo reato di coltivazione illecita che gli veniva contestato. (Gi. Cu.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x