Ultimo aggiornamento alle 15:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Morto dopo 10 ore di attesa all’ospedale di Locri, Di Furia: «La magistratura accerterà quanto avvenuto»

Il dg dell’Asp reggina: «Spero che non ci sia stato l’errore, ma sicuramente qualcosa è successo, le ore di attesa già sono un indicatore»

Pubblicato il: 12/01/2024 – 11:30
di Mariateresa Ripolo
Morto dopo 10 ore di attesa all’ospedale di Locri, Di Furia: «La magistratura accerterà quanto avvenuto»

LOCRI «Se abbiamo sbagliato dobbiamo anche pagare, non andremo a fare ricorsi su ricorsi, se viene fuori che c’è stato un errore sanitario, e purtroppo chi lavora sbaglia, l’Azienda farà il suo dovere. La morte di un ragazzo di 24 anni è un grande dolore. Colgo l’occasione per portare la vicinanza alla famiglia di questo ragazzo. Spero sempre che non ci sia stato l’errore, ma sicuramente qualcosa è successo, le ore di attesa già sono un indicatore molto importante. La magistratura accerterà quanto avvenuto». Il direttore generale dell’Asp di Reggio Calabria Lucia Di Furia commenta così la morte sospetta di Vishal Kumar, il giovane di origini indiane morto lo scorso 28 dicembre all’ospedale di Locri, dopo dieci trascorse al pronto soccorso in attesa di essere visitato. Il 24enne è giunto presso il nosocomio accusando forti dolori addominali. La prima ipotesi, secondo quanto trapela, è che possa essere morto per un’occlusione intestinale. Dopo il decesso, a seguito di una lunga attesa al pronto soccorso e infine il ricovero nel reparto di Chirurgia – quello di Gastroenterologia era infatti chiuso a causa della carenza di personale – i familiari hanno sporto denuncia e la Procura di Locri ha aperto un’inchiesta. «Dobbiamo sicuramente migliorare», ha aggiunto Di Furia parlando della capacità assistenziale e sottolineando che l’ospedale di Locri è «un posto che merita rispetto».

«I professionisti che lavorano, quando vedono che qualcosa non va, siano proattivi nel metterla a posto»

«Se non avessimo fatto i concorsi questo ospedale sarebbe morto, abbiamo stabilizzato infermieri e portato professionisti», ha sottolineato di Di Furia che riguardo a 25 letti arrivati in ospedale ma che risultano ancora inutilizzabili, ha spiegato: «Alcuni di questi letti a Locri sono lievemente più ampi e non entrano nel montacarichi, ne acquisteremo altri leggermente ridotti di dimensione». «Ogni volta che si firma un atto in quell’azienda si ha paura, però noi non ci siamo fermati e stiamo andando avanti, abbiamo fatto delle cose di cui nessuno parla», ha aggiunto il direttore generale dell’Asp che ha poi rivolto un vero e proprio appello al personale: «L’azienda sta lavorando come un’azienda sempre di più con uno spirito di squadra, purtroppo qualche volta lo spirito di squadra si rompe perché fare lo scoop aiuta. Ai professionisti che lavorano a Locri, visto che stiamo parlando di Locri, dico che quando trovano qualcosa che non funziona, siano proattivi nel metterla a posto, non facendo la foto e postandola, perché non si risolvono i problemi in questo modo. Questo è l’ospedale dei cittadini e se funziona, funziona per loro e per tutta la cittadinanza». (m.ripolo@corrierecal.it)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x