Ultimo aggiornamento alle 21:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

università

Studenti fuorisede, «rimborsi per affitti in ritardo e pochi beneficiari». A Cosenza 200 mila euro

La denuncia di Udu: «A fronte di 830mila persone, meno del 2% riceverà un contributo di 23 euro al mese»

Pubblicato il: 02/02/2024 – 11:28
Studenti fuorisede, «rimborsi per affitti in ritardo e pochi beneficiari». A Cosenza 200 mila euro

ROMA L’Unione degli Universitari (Udu) denuncia l’enorme ritardo nell’erogazione del fondo affitti per gli studenti fuorisede. «Le risorse per l’anno 2023 sono state appena distribuite dal ministero dell’Università e arriveranno agli idonei nel mese di febbraio, con un anno di ritardo rispetto alle richieste», affermano i ragazzi. Il sindacato studentesco contesta anche l’inadeguatezza dello stanziamento, a fronte dell’emergenza abitativa che colpisce le città universitarie italiane. «Dall’inizio del 2023 abbiamo chiesto alla ministra Bernini di accelerare l’erogazione del fondo affitti – dichiara Simone Agutoli, responsabile politiche abitative dell’Udu- ma la sua risposta è stata un procedimento macchinoso e infinito. Il risultato è che gli studenti riceveranno il sostegno economico con un anno di ritardo, quando ormai abbiamo già dovuto affrontare ingenti spese per l’affitto”. «Lo stanziamento di 4 milioni di euro per l’intero territorio nazionale – continua il sindacato studentesco – è totalmente insufficiente. A fronte di 830mila studenti fuorisede, meno del 2% riceverà un contributo, pari a 279 euro annuali, ossia 23 euro al mese. Una cifra irrisoria, dal momento che paghiamo in media 350 euro al mese per il canone di locazione, a cui aggiungere spese condominiali e bollette». Le disparità territoriali – secondo quanto rivela una elaborazione dell’Unione degli universitaria su dati ministeriali – sono evidenti: a Milano, dove è nata la protesta delle tende, saranno aiutati soltanto 260 studenti con 73mila euro, mentre a Bologna i beneficiari saranno 142 ed infatti non arriveranno neanche 40mila euro. A Roma, invece, gli studenti che riceveranno un sostegno saranno 571, a Napoli 184, a Venezia ci si ferma a 66. Va meglio a Torino con 2.309 studenti beneficiari per un totale di 644mila euro; sopra i 200mila euro anche Cosenza, Bari e Catania. «Di fronte all’emergenza abitativa – attacca Agutoli – le risorse che arrivano sul territorio sono pochissime e vengono erogate con un ritardo inaccettabile. La ministra Bernini deve chiarire le ragioni di questa lentezza e riconoscere l’inadeguatezza delle risorse stanziate. Siamo stanchi di una ministra che fa solo annunci e promesse. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: il Governo ha tradito gli studenti e il diritto allo studio».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x