Ultimo aggiornamento alle 18:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’iniziativa

Bullismo a scuola, i Carabinieri di Gioia Tauro incontrano 300 alunni delle medie

I militari hanno spiegato ai ragazzi come comportarsi se si è vittima dei bulli e ricordato i numeri di emergenza a cui ci si può rivolgere

Pubblicato il: 09/02/2024 – 12:28
Bullismo a scuola, i Carabinieri di Gioia Tauro incontrano 300 alunni delle medie

GIOIA TAURO In occasione della giornata nazionale contro il bullismo ed il cyberbullismo, i Carabinieri del Gruppo di Gioia Tauro hanno organizzato due giorni di approfondimento sul tema. Coinvolto l’istituto comprensivo “De Zerbi – Milone” di Palmi, dove due Ufficiali ed un Comandante di Stazione hanno illustrato ai ragazzi cosa s’intende per bullismo, quali sono le caratteristiche del bullo, chi sono gli attori in un episodio di bullismo: dal bullo, alla vittima, agli spettatori. In aggiunta, i Carabinieri hanno ricordato a che tipo di conseguenze si va incontro nel caso di comportamenti contro la Legge ed hanno inoltre illustrato i principali reati che un bullo può compiere, magari senza la consapevolezza delle conseguenze penalmente rilevanti, nel caso si palesino comportamenti aggressivi.

La cultura della legalità

Sono stati quindi illustrati gli illeciti più comuni, quali le percosse, le lesioni, le minacce, il furto, l’estorsione ed i danneggiamenti, nonché gli atti persecutori; una particolare attenzione è stata rivolta alla rete internet ed ai telefoni cellulari, approfondendo le tematiche della diffamazione e della diffusione di video ed immagini a contenuto sessualmente esplicito. Ai ragazzi, inoltre, è stato ricordato come gli insegnanti siano pubblici ufficiali, sottolineando crimini quali l’oltraggio a pubblico ufficiale, la minaccia e la resistenza. Al di là dell’aspetto sanzionatorio, ai giovani alunni è stato illustrato come poter aiutare una vittima di bullismo, ricordando che anche il bullo è, di per sé, una vittima, necessitando anch’egli di aiuto e di un percorso rieducativo. Infine, ai ragazzi è stato ricordato come si chiamano le forze dell’ordine ma anche altri servizi, quali il numero di pubblica utilità 114, dedicato all’infanzia, ed il numero 19696 dell’ormai famoso telefono azzurro. Gli alunni sono intervenuti con domande, esperienze personali e propri punti di vista, mostrando particolare attenzione sul tema. Nel corso dei tre seminari, hanno partecipato, in totale, circa 300 scolari. Gli incontri, rientranti nel più ampio progetto della Cultura della Legalità, come di consueto, non si limiteranno alla specifica occasione ma verranno riproposti nel futuro, abbracciando le tematiche più sentite all’interno degli istituti scolastici, dal rispetto del codice della strada, agli stupefacenti, alla violenza sulle donne e sulle cosiddette fasce deboli.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x