Ultimo aggiornamento alle 10:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il commento

Ponte sullo Stretto, Rixi: «Andiamo avanti, l’ultimazione dell’opera tra il 2030 e il 2032»

Lo afferma ad Affaritaliani.it il vice-ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, esponente di spicco della Lega

Pubblicato il: 22/02/2024 – 14:33
Ponte sullo Stretto, Rixi: «Andiamo avanti, l’ultimazione dell’opera tra il 2030 e il 2032»

ROMA «Ancora una volta la sinistra, quando perde, cerca di ribaltare l’esito democratico coinvolgendo altri poteri dello Stato. Noi siamo assolutamente sereni: il Ponte degli Italiani si farà». Lo afferma ad Affaritaliani.it il vice-ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Edoardo Rixi, esponente di spicco della Lega, dopo l’esposto di Pd e AVS sul Ponte sullo Stretto che ha portato all’apertura di un’inchiesta da parte della Procura di Roma. «Voglio ricordare che il governo Berlusconi aveva assegnato la progettazione del Ponte, con relativo investimento per il periodo 2007-2010. Il governo Monti nel 2011-2012 fece una legge, proprio su spinta del Pd, per caducare quella gara e noi non abbiamo fatto altro che ripristinare un iter bloccato – lo ripeto – su input del Pd. Ricordo che in Eurolink (general contractor costituito da un raggruppamento internazionale di imprese impegnato per la progettazione e la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina e che sarà presieduto da Gianni De Gennaro, ndr) ci sono anche imprese giapponesi e americane. Inoltre abbiamo anche registrato feedback positivi sulla realizzazione dell’opera a livello di G7, di cui l’Italia ha la presidenza. Inoltre, la Commissione europea ha validato il progetto valutandolo del tutto valido e trasparente». Con l’esposto alla Procura di Roma ci saranno ritardi nella realizzazione dell’opera? «Assolutamente no, noi andiamo avanti. La cantierizzazione dovrebbe iniziare già quest’anno, dopo l’estate. Dopo l’approvazione della relazione di aggiornamento al progetto definitivo, si sta procedendo con le attività propedeutiche alla realizzazione del ponte, l’aggiornamento della documentazione ambientale, l’analisi costi-benefici, l’aggiornamento del piano di espropri», spiega Rixi. Che aggiunge: «Il ponte si inserisce in un contesto in cui stiamo investendo 60 miliardi per ammodernare ferrovie, strade e autostrade in Sicilia e Calabria. Senza collegamento stabile non avrebbe senso investire decine di miliardi per arrivare più rapidamente a Messina e Reggio Calabria. L’ultimazione dell’opera è prevista tra il 2030 e il 2032», conclude Rixi.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x