Ultimo aggiornamento alle 9:16
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’emergenza

Bonifica campo rom di Scordovillo, Furgiuele incontra il commissario Vadalà

Il deputato della Lega: servono soluzioni concertate, ancora attendo un segnale concreto dalla Prefettura di Catanzaro

Pubblicato il: 28/02/2024 – 16:23
Bonifica campo rom di Scordovillo, Furgiuele incontra il commissario Vadalà

ROMA «Reputo fruttuoso l’incontro avuto nella giornata odierna a Roma con il Generale Vadalà, Commissario unico della bonifica del campo rom di Scordovillo. Il compito che lo attende è sicuramente gravoso, ma la sfida da vincere è storica, e sono convinto che i presupposti vi siano tutti, se ciascuno farà il proprio dovere. Ho chiesto al generale un impegno forte e concreto perché la cittadinanza ha perso la fiducia dopo anni di inconcludenza». Lo afferma il deputato della Lega Domenico Furgiuele: «Ho fatto altresì presente, da cittadino in primis e poi da uomo delle istituzioni, anche sulla scorta anche del lavoro di sollecitazione parlamentare da me prodotto negli scorsi periodi, che – aggiunge Furgiuele – non si tratta di bonificare un luogo qualsiasi ma un sito assai delicato, una piccola città nella città, rimasta per decenni in uno stato di sospensione della legalità. Lo Stato deve riappropriarsene attraverso la messa a terra di misure che lo rendano un polmone verde, e non più una fabbrica a cielo aperto di diossine e illegalità diffuse. Contemporaneamente bisogna porre in essere soluzioni abitative concertate che consentano lo sgombero di quell’area in un clima di collaborazione tra le parti in causa onde evitare, come avevo segnalato, che vi sia un transito da Scordovillo 1 a Scordovillo2. Il Commissario ha poteri importanti per fare ciò, ma essi devono armonizzarsi con le competenze di altre istituzioni, in primis con quelle della Prefettura di Catanzaro da cui attendo ancora un segnale concreto dopo aver chiesto, quasi tre settimane or sono,  ufficialmente al Prefetto un impegno per garantire il potenziamento delle attività di vigilanza almeno fino all’inizio concreto delle bonifica. Sono fiducioso in risposte vere e immediate, io – conclude Furgiuele – farò la mia parte, ma bisogna partecipare a questo processo ‘in solido’ senza farsi frenare dai soliti lacci e lacciuoli. La popolazione è stanca».

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x