Ultimo aggiornamento alle 22:43
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Le regionali

Chiuso lo spoglio solo oggi in Sardegna, Todde avanti di 1.600 voti

La proclamazione non prima della metà di marzo. Ma il centrodestra aspetta ufficialità

Pubblicato il: 04/03/2024 – 19:37
Chiuso lo spoglio solo oggi in Sardegna, Todde avanti di 1.600 voti

CAGLIARI Solo oggi, a otto giorni dalle elezioni, è terminato il lungo scrutinio delle 751.296 schede degli elettori sardi. Cominciate lo scorso lunedì e proseguite fino a martedì pomeriggio, le operazioni di spoglio hanno avuto uno stop per poi proseguire nei rispettivi uffici elettorali dei tribunali di competenza, a causa di 19 sezioni che non avevano completato in tempo. 
Oggi la chiusura dei conteggi e l’inizio della fase due, con l’esame, sempre nei singoli tribunali, dei verbali dei seggi necessari a verificare i documenti e le operazioni svolte. Il risultato finale si attesterebbe su un vantaggio per Alessandra Todde di circa 1.600 voti su Paolo Truzzu, rispetto a un diverso iniziale di 2.615 preferenze. Lo conferma lo stesso presidente in pectore, che in serata sui social vuole rasserenare l’atmosfera: «Tutto procede nel rispetto delle procedure previste, il tribunale ha completato l’esame delle sezioni mancanti e lo scarto rimanente di circa 1.600 voti». 

L’anomalia


Da alcune analisi ufficiose, tra i partiti del centrosinistra, a venir fuori da queste 19 sezioni mancanti sarebbe un voto a favore del centrodestra concentrato in diversi paesi molto piccoli, in cui Truzzu avrebbe recuperato il gap. 
In altre sezioni, specie nelle città, il vantaggio resterebbe, invece, pressoché immutato per la guida del campo largo. Ma il dato resterà ballerino fino a che tutti i tribunali non avranno inviato i propri plichi alla Corte d’Appello di Cagliari, che dopo un’ulteriore verifica, stilerà il verbale definitivo con la proclamazione degli eletti. Al momento è solo una circoscrizione che ha chiuso i controlli sui verbali e ha inviato il plico a Cagliari. È l’Ogliastra, con il tribunale di Lanusei, mentre si attendono da domani quelli di Sassari, Oristano, Nuoro, Tempio Pausania e Cagliari. Tempi ancora lunghi, dunque, per una proclamazione che si attende intorno alla metà di marzo, in linea con quanto accaduto già cinque anni fa quando tra lo spoglio e la proclamazione di Christian Solinas passarono 23 giorni. Operazioni lunghe e macchinose che secondo Massimo Zedda, leader dei Progressisti, si potrebbero evitare con l’aumento di seggi già nelle prossime elezioni amministrative. Nulla invece dal fronte opposto: il centrodestra resta silenziosamente in attesa dei dati ufficiali, solo dopo deciderà il da farsi. Consapevole che eventuali ricorsi al Tar, specifici e circostanziati sulle schede contestate, dovranno partire solo dopo la proclamazione ufficiale, mentre si avvierà il cammino della nuova giunta. 

Todde: «Ora discontinuità»

Alessandra Todde, infatti, nel suo post, mentre esorta alla pazienza e all’attesa dell’esito finale, fa sapere di essere operativo «con la coalizione per arrivare pronti al momento dell’insediamento». 
«Discontinuità, presenza di donne e competenze», sono le linee guida che seguirà la prossima governatrice sarda che tra qualche giorno andrà a celebrare la Giornata internazionale della donna in Abruzzo, per la chiusura della campagna elettorale di un campo più largo rispetto a quello sardo, e dovrà farlo certamente da presidente in pectore e non ancora proclamata. 

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x