Ultimo aggiornamento alle 22:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Dossier sulla Lega, Striano: «L’input è arrivato da San Marino»

Le rivelazioni a “La Verità” del tenente della Gdf al centro dell’inchiesta di Perugia

Pubblicato il: 16/03/2024 – 13:42
Dossier sulla Lega, Striano: «L’input è arrivato da San Marino»

PERUGIA Il “dossier sulla Lega” che è emerso dalle indagini della procura di Perugia sugli accessi abusivi alle banche dati della procura nazionale antimafia «è stato chiesto ufficialmente. L’input arrivava dalla Banca d’Italia tramite delle omologhe straniere», come ad esempio l’Agenzia di informazione finanziaria di San Marino. E’ quanto afferma Pasquale Striano, il tenente della Gdf al centro dell’inchiesta di Perugia, a “La Verità”. L’indicazione è arrivata solo dal Monte Titano? chiede la Verità. «Solo da lì… ma era bella grossa eh? Lì dentro c’era ‘sto mondo e quell’altro. Pure la storia dell’ex sottosegretario Armando Siri» risponde Striano. L’ufficiale sostiene poi di aver fatto «tre appunti su Berlusconi. Tre o quattro». E anche questi «mi sono stati tutti chiesti. E non dai giornalisti. Non li ho fatti perché ho letto gli articoli del Domani. Li ho realizzati perché me li chiedeva il procuratore». Secondo il quotidiano «il procuratore di cui parla è soprattutto Laudati. Ma in un caso è Melillo». Striano sostiene poi che «su richiesta di Melillo» ha «solo verificato perché le segnalazioni all’Antiriciclaggio non andassero a Reggio Calabria». «E io – prosegue – ho fatto un appunto e ho spiegato perché le cose andassero in quel modo. Io alcuni accessi li ho fatti anche per dare queste spiegazioni. Non temevo alcunché». Secondo il tenente «una questione tecnica che spiegherò in aula». «Il programma – sostiene – non funzionava bene. Non “comprendeva” bene, per esempio, chi fosse la moglie di Dell’Utri e non riuscivano ad associarla a Berlusconi. Invece io lo facevo perché conoscevo questi rapporti. Era proprio il software a essere sbagliato. Quindi l’ho spiegato bene a Melillo: “Qui tocca rivedere tutto il sistema informatico”». Quindi il problema era Dell’Utri e non Berlusconi? chiede la Verità. «Sì, Dell’Utri» risponde Striano. «Però sappiamo tutti – aggiunge – che Dell’Utri per trent’anni ha preso l’assegno mensile da Berlusconi».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x