Ultimo aggiornamento alle 2:03
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

SCENARI INTERNAZIONALI

«Non ci si può sedere a trattare con la Russia»

La premier Giorgia Meloni durante le comunicazioni al Senato in vista del Consiglio dell’Ue sull’Ucraina

Pubblicato il: 19/03/2024 – 19:15
«Non ci si può sedere a trattare con la Russia»

ROMA Sulla “proposta avanzata dalla Francia circa il possibile intervento diretto”, “ribadisco anche in questa Aula che la nostra posizione non è favorevole a questa ipotesi foriera di un’escalation pericolosa da evitare a ogni costo”. Così la premier Giorgia Meloni durante le comunicazioni al Senato in vista del Consiglio Ue parlando dell’Ucraina. Meloni ha auspicato sulla posizione del governo la compattezza del Parlamento. Assente in Aula il vicepremier e ministro dei Trasporti Matteo Salvini. Il leader della Lega, spiegano dal Mit, è impegnato da questa mattina in una serie di incontri in ufficio al ministero. “L’Italia saluta con favore l’ingresso della Svezia e della Finlandia nella Nato e condanna ogni atteggiamento aggressivo della Russia verso questi Paesi amici così come nei confronti dei paesi baltici. Ribadiamo la nostra condanna ad elezioni farsa nei territori ucraini ed il decesso di Nalvalny il suo nome come simbolo del sacrificio per libertà non sarà dimenticato”, ha affermato Meloni. “Come ci si può sedere al tavolo delle trattative con chi non ha mai rispettato gli accordi?”, ha detto Meloni parlando delle violazioni degli accordi della Russia nei confronti dell’Ucraina. Sulla cooperazione con Kiev ha aggiunto: “non si tratta dell’impegno a fornire armi, ma di un’intesa che riguarda una cooperazione a 360 gradi, come è naturale che avvenga con uno stato che ha avviato il processo di ingresso nell’Unione europea”. “La cooperazione di lungo termine sulla sicurezza” con Kiev che abbiamo offerto “riguarda più la pace che non il conflitto”, ha precisato Meloni. “E non si tratta – ha aggiunto – come qualcuno prova oggi a raccontare, dell’impegno a fornire armi per i prossimi dieci anni. Si tratta invece di una intesa multidimensionale, che fa seguito ad analoghi accordi sottoscritti da altri Stati europei ed occidentali, che riguarda una cooperazione a 360 gradi, compresa la ricostruzione, l’assistenza umanitaria e una rafforzata collaborazione politica e di sicurezza. Come è naturale che avvenga nei confronti di una Stato che ha avviato il percorso di adesione all’Unione Europea”.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x