Ultimo aggiornamento alle 22:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il blitz

Truffe ad anziani a Reggio, denunciate due donne provenienti dalla Campania

La polizia ha scoperto il solito “trucco” della finzione di un incidente stradale in danno del figlio di una vittima

Pubblicato il: 28/03/2024 – 9:55
Truffe ad anziani a Reggio, denunciate due donne provenienti dalla Campania

REGGIO CALABRIA Nell’ambito di una più ampia ed articolata strategia condotta dalla Polizia di Stato finalizzata a contrastare il fenomeno delle truffe poste in essere confronti di vittime vulnerabili che da diversi mesi stanno interessando il territorio reggino, come documentato dalle numerosissime segnalazioni pervenute (anche nell’arco della medesima giornata) al 112 Nue, gli agenti della Squadra Mobile di Reggio Calabria, con l’ausilio della Polizia Stradale di Sala Consilina, hanno denunciato due donne di origine campana riconosciute quali autrici materiali, in concorso con altri soggetti allo stato ignoti, di una truffa aggravata commessa ai danni di una donna di 62 anni residente in questo centro cittadino. Il modus operandi adoperato dalle truffatrici è quello ricorrente: dopo aver preso contatti telefonici con la vittima, fingendo la commissione di un incidente stradale da parte del figlio della stessa, chiedevano una somma di denaro o, in alternativa dei gioielli, per evitarne la carcerazione.  Nel caso di specie la vittima, era stata raggiunta dai truffatori sia sulla propria utenza telefonica di casa, da parte di un fantomatico Maresciallo dei Carabinieri che gli rappresentava quanto accaduto, che sul numero di cellulare, dal presunto legale della persona offesa del sinistro stradale, il quale gli proponeva un risarcimento del danno, nella forma di una somma di denaro o eventuali gioielli. La donna a quel punto consegnava l’importo in contanti pari ad euro 4.100 nonché preziosi per un peso corrispondente a 350 gr ad una delle due donne, recatasi presso l’abitazione della vittima.  Nella circostanza, quando ancora la vittima si trovava al telefono con i 2 complici, sopraggiungeva il marito il quale, avvedutosi degli artifizi e raggiri perpetrati ai danni della moglie, la invitava ad interrompere immediatamente i rapporti telefonici con gli stessi, contattando immediatamente le Forze dell’Ordine.  Grazie all’immediata segnalazione al 112 NUE, la Squadra Mobile individuava l’autovettura sulla quale viaggiavano le due donne, successivamente bloccata da una pattuglia della Polstrada di Sala Consilina. A bordo del menzionato veicolo venivano rivenuti i monili in oro e le somme di denaro precedentemente consegnati dalla vittima. Tutta la refurtiva è stata riconsegnata ai legittimi proprietari. Quella conclusasi positivamente nella giornata del 25 marzo, è l’ultima di una serie di analoghe attività che hanno portato all’arresto in flagranza e al deferimento in stato di libertà in meno di due mesi di 16 soggetti tutti ritenuti responsabili di truffe aggravate commesse ai danni di persone anziane e alla redazione di 8 provvedimenti di fogli di via obbligatorio redatti dalla Divisione Polizia Anticrimine, quale misura di prevenzione che impedisce al destinatario di tale misura di tornare nel Comune di Reggio Calabria.

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x