Ultimo aggiornamento alle 9:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

report avviso pubblico

Incendi e intimidazioni, la provincia di Cosenza la più colpita nel 2023. È allarme a Corigliano Rossano

Dall’incendio a Crosia all’aggressione del sindaco di Carolei: sono 15 i Comuni cosentini colpiti nell’ultimo anno

Pubblicato il: 17/04/2024 – 12:01
Incendi e intimidazioni, la provincia di Cosenza la più colpita nel 2023. È allarme a Corigliano Rossano

Per la terza volta nella storia dei Rapporti Amministratori sotto tiro, la Calabria è la regione più colpita da atti intimidatori, di minaccia e violenza nel corso dell’anno solare (gli altri due precedenti si sono verificati nel 2016 e nel 2010).
51 i casi censiti nel corso del 2023, con un incremento del 21% rispetto al 2022. Nel 47% degli atti censiti lo scorso anno – verificatisi in 31 comuni della regione – le tipologie utilizzate per minacciare amministratori o personale degli Enti locali sono stati l’incendio o il danneggiamento di auto, case, terreni di proprietà, mezzi utilizzati per la raccolta rifiuti o strutture municipali. Dopo il 2016, anno in cui è stato registrato un picco di 87 atti intimidatori nel singolo anno, il numero di casi censiti è andato diminuendo, fino ad un minimo di 38 registrato nel 2020, salvo poi risalire lievemente nell’ultimo triennio ed assestarsi su una media inferiore ai 50 casi. Dal 2010 al 2023 gli atti intimidatori censiti da Avviso Pubblico in Calabria sono stati 801, alla media di 57 casi ogni anno. Questo dato pone la regione al secondo posto per numero di minacce registrate nel periodo, dietro la Sicilia (862) e davanti alla Campania (794). Nel periodo sono stati 198 i Comuni calabresi colpiti da atti intimidatori, il 49% del totale presenti nella regione.

I numeri del Cosentino nel 2023

Il 60% dei casi censiti nel 2023 si sono consumati nella provincia di Cosenza, che è anche il territorio calabrese più colpito dal 2010, con 252 casi (2° posto a livello nazionale dopo Napoli). Le altre province della regione si collocano come segue: Reggio Calabria (229 casi in 14 anni, 3° posto a livello nazionale), Catanzaro (113 casi, 13° posto a livello nazionale), Vibo Valentia (111 casi, 14° posto a livello nazionale), Crotone (96 casi, 19° posto a livello nazionale).
Sono 15 Comuni cosentini colpiti dal fenomeno nel 2023, il 10% del totale presenti nella provincia. Di seguito alcuni casi in ordine cronologico:

 • a gennaio viene data alle fiamme l’abitazione estiva del sindaco di Crosia;

• a febbraio un proiettile di grosso calibro viene posto nella cassetta della posta di un assessore a Casali del Manco;

• a maggio viene affisso un biglietto anonimo sulla facciata esterna del portone d’ingresso del municipio, con su scritte minacce rivolte al sindaco di Paola;

• a giugno vengono sparati sette colpi di pistola contro l’attività commerciale per la vendita di prodotti alimentari gestita dal sindaco di San Demetrio Corone

• sempre a giugno, a San Giovanni in Fiore, viene appiccato il fuoco all’abitazione di una funzionaria comunale.

• ad agosto viene aggredito il sindaco di Carolei

• a novembre va a fuoco l’auto di una consigliera di Bisignano.

Il caso di Corigliano Rossano

 Il Comune di Corigliano Rossano, istituito nel 2018 dalla fusione di Corigliano Calabro e Rossano, si aggiudica nel 2023 la non invidiabile palma di Comune maggiormente sotto tiro sul territorio nazionale. Numerosissimi i casi registrati nella cronologia di Avviso Pubblico. Nel mese di febbraio viene colpita Calabria Verde, azienda della regione Calabria che si occupa della cura e della gestione del patrimonio forestale, e dei suoi dipendenti impegnati in lavori di pulizia dei fiumi di Corigliano Rossano: viene rinvenuta su un’autovettura di servizio una bottiglia contenete benzina con relativo innesco. A giugno l’assessore alle Politiche Ambientali riceve una telefonata dai toni inquietanti e minacciosi nei confronti della sua persona, del sindaco e di altri componenti dell’Amministrazione. Ad agosto viene emessa una misura cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di un soggetto ritenuto gravemente indiziato di tentata estorsione posta in essere nei confronti di un funzionario comunale al quale era stato intimato, con minacce gravi, di ritirare il provvedimento di decadenza di una concessione demaniale. Gli atti intimidatori si intensificano in autunno.
Tra ottobre e dicembre vanno a fuoco due auto di Ida Gattuso che, prima della fusione tra i comuni di Corigliano e Rossano, aveva ricoperto il ruolo di consigliere e vice presidente del consiglio comunale ausonico. Da una successiva inchiesta emergerà l’estorsione alla famiglia Gattuso da parte di un clan locale.
A novembre tocca alla presidente del Consiglio comunale, alla quale viene incendiata l’automobile dopo essere già stata vittima di altre minacce. Il giorno dopo il sindaco ed un assessore ricevono sui loro profili Instagram dei messaggi in “codice”, emoticons riconducibili a quanto accaduto la notte precedente contro la vettura della collega. Emoticons che richiamano fiamme, auto e mezzi dei vigili del fuoco. Corigliano Rossano a seguito della fusione è diventato il comune più esteso di tutto il territorio regionale e il terzo per popolazione, con i suoi oltre 70mila abitanti. Tra Corigliano Rossano, Palmi ed Imperia il 6 dicembre 2022 i Carabinieri hanno arrestato 9 affiliati alla cosca Barillari, accusati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di omicidi, ricettazione, detenzione illegale di armi e di sostanze stupefacenti. L’operazione, disvelando le dinamiche criminali nel territorio di Corigliano-Rossano, “ha delineato uno spaccato allarmante della realtà delinquenziale nei territori di Corigliano e Rossano. Gli investigatori hanno puntato un focus sugli assetti criminali nel settore del narcotraffico e sulle dinamiche di controllo del territorio in cui sono risultati protagonisti una serie di soggetti ritenuti responsabili di una gravissima sequenza di reati”

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x