Ultimo aggiornamento alle 15:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

I lavoratori del Consorzio unico perdono 7 mensilità arretrate. La denuncia dei sindacati

Fai, Flai e Uila territoriali di Cosenza chiedono all’assessore Gallo di trovare risposte adeguate

Pubblicato il: 19/04/2024 – 12:26
I lavoratori del Consorzio unico perdono 7 mensilità arretrate. La denuncia dei sindacati

CATANZARO «E’ avvilente dirlo, ma il nostro allarme lanciato ripetutamente negli ultimi 5/6 mesi e fino allo scorso mese di febbraio, oltre a cadere nel vuoto, si è trasformato ormai in drammatica realtà: I lavoratori degli Impianti Irrigui Silani, già dipendenti del Consorzio di bonifica dei Bacini Meridionali del cosentino (e prima ancora dell’Arssa), trasferiti per effetto della legge di riforma dei Consorzi di bonifica al Consorzio unico della Calabria, hanno perso ben sette mensilità, riferite al periodo luglio – dicembre 2023». E’ quanto affermano, in una nota congiunta, le segreterie territoriali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila – Uil di Cosenza. «Una vicenda che, nonostante le numerose proteste e i sit-in delle organizzazioni sindacali e le sollecitazioni prodotte dalla Prefettura – è detto nella nota – è stata inghiottita tra le esposizioni debitorie del vecchio Consorzio nei confronti della banca Tesoreria e le pastoie burocratiche e giudiziali che hanno riguardato più livelli decisionali. Oggi resta sul terreno il grave danno subito dai lavoratori, circa una ventina, i quali, pur ritornando a percepire le competenze 2024, in seno al Consorzio Unico della Calabria, restano esposti con banche e finanziarie per rate di mutui e prestiti ai quali non riescono più a far fronte oltre a dover vivere il forte impatto emotivo di scegliere se posticipare il pagamento delle utenze domestiche o assicurare gli alimenti alle proprie famiglie». «Fai, Flai e Uila territoriali di Cosenza – riporta la nota – di fronte ad una simile realtà che sembra non interessare più di tanto il livello politico-istituzionale e tecnico della Regione chiedono all’assessore Gallo e al Commissario del Consorzio Unico della Calabria, di trovare risposte adeguate ed immediate che possano ripristinare i diritti calpestati e restituire ai lavoratori e alle loro famiglie la dignità rubata».

Il Corriere della Calabria è anche su Whatsapp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x