Ultimo aggiornamento alle 15:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’intervista del Corriere della calabria

L’endorsement di Picerno: «Il Pd calabrese un esempio per il partito nazionale»

La vicepresidente dell’Europarlamento interviene sulle Europee: «Attenzione a non trasformarle nel secondo tempo delle Politiche»

Pubblicato il: 20/04/2024 – 12:00
L’endorsement di Picerno: «Il Pd calabrese un esempio per il partito nazionale»

CATANZARO Pina Picerno, vicepresidente dell’Europarlamento, partecipa alla conferenza programmatica del Pd in corso a Soveria Mannelli. Candidata alle Elezioni Europee, lancia un messaggio da un’area interna della Calabria rivolto all’Europa. «Sono tante le opportunità, penso alla politica di coesione, alla PAC, al Fesr, che sono acronimi un po’ strani, ma è il modo in cui l’Europa è entrata nelle nostre vite, nelle nostre scuole, nelle università, nei trasporti». Tuttavia, i fondi e i finanziamenti non sono state sufficienti ad evitare che il divario che separa questo pezzo di territorio dal Nord del Paese si ampliasse. «Pensate ai disegni scellerati come quello di Calderoli e di questa destra al Governo quanto possano acuire ancora di più queste differenze. Dalla Calabria lanciamo un messaggio che guarda il futuro di questo territorio con un partito, il Pd, coeso, unito, rinnovato».

Il lavoro di Nicola Irto

Picerno sottolinea i meriti del segretario del Pd calabrese, Nicola Irto «capace di un lavoro eccezionale, il partito regionale della Calabria è diventato un esempio per il Pd nazionale». La candidata plaude «alla qualità degli amministratori, della classe dirigente, ma anche alla qualità della proposta politica». L’Europa però non è al centro del dibattito politico nazionale. C’è un vecchio costume tutto italiano di utilizzare le Elezioni Europee come una partita nazionale. Poi si perde evidentemente di vista l’orizzonte un po’ più ampio di un piccolo Paese come l’Italia. «Attenzione a non trasformare le elezioni europee nel secondo tempo delle elezioni politiche. Ed è per questo che mi sono permessa di consigliare, per esempio, ai leader nazionali di non partecipare direttamente, perché questo inevitabilmente rischia poi di focalizzare l’attenzione su un dibattito che è nazionale, quando invece abbiamo bisogno di discutere dell’Europa del futuro, di come la vogliamo migliorare e cambiare».

Il dibattito sull’Europa e la questione meridionale

Il dibattito sull’Europa dovrebbe arricchirsi di una discussione anche sul ruolo centrale e determinante del Sud. «Si, è straordinario anche notare proprio come su questo tema vi sia una differenza di approccio: più in Europa si discute di politica di coesione, di integrazione e più questa destra parla di divisione, di secessione, di dividere il nostro Paese. Più noi parliamo di integrazione e più loro provano a disintegrare il Paese», dice Picerno. Che chiosa: «Come vedete c’è una differenza proprio di approccio».
(redazione@corrierecal.it)

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x