Ultimo aggiornamento alle 21:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’indagine

Maladepurazione, inchiesta “Scirocco”: chiesto il rinvio a giudizio per 29 indagati – NOMI

Tra i reati contestati dalla Procura di Catanzaro, traffico illecito di rifiuti e reati contro l’ambiente e la pubblica amministrazione

Pubblicato il: 15/05/2024 – 10:56
Maladepurazione, inchiesta “Scirocco”: chiesto il rinvio a giudizio per 29 indagati – NOMI

CATANZARO I pm della Procura di Catanzaro Paolo Sirleo, Domenico Guarascio e Domenico Assumma hanno chiesto il rinvio a giudizio per 28 persone e 5 compagini societarie, tutti coinvolti nell’inchiesta denominata “Scirocco” che aveva fatto luce sulla presunta gestione illecita della depurazione in Calabria.
Associazione per delinquere al fine di commettere reati contro l’ambiente e la pubblica amministrazione, frode nelle pubbliche forniture, inquinamento ambientale, traffico illecito di rifiuti, tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Sono queste le accuse contestate a vario titolo agli indagati che ora rischiano di andare a processo. A decidere la loro sorte sarà il gup Arianna Roccia che ha fissato l’inizio dell’udienza preliminare per il prossimo 12 giugno in aula bunker a Lamezia Terme. Sono, invece, 26 le parti civili individuate e che potranno chiedere di costituirsi parte civile.
Al centro dell’indagine ci sono le società del gruppo Minieri – amministrate da Mario Minieri e dai figli Giuseppe e Saverio – che avevano in appalto la gestione dei depuratori. L’accusa sostiene che avrebbero vinto le gare d’appalto grazie a ribassi consistenti per poi non adempiere agli obblighi contrattuali. Il risultato, secondo gli inquirenti, sono state mancate manutenzioni agli impianti, gestione illecita nello smaltimento dei fanghi, liquami che confluivano nei corsi d’acqua e nel mare.

Rischiano di finire a processo:

  1. Tommaso Agretto, di Catanzaro;
  2. Davide Bartucca residente a Filadelfia;
  3. Giuseppe Bongarzone di Amaroni;
  4. Pasqualino Calabrese, di Belvedere Marittimo;
  5. Andrea Cannistrà, di Catanzaro;
  6. Ion Ciobanu, residente a Settingiano;
  7. Giuseppe Dardano di San Floro;
  8. Paolo di Stio, di Belvedere Marittimo;
  9. Giuseppe Lagrotteria, di Catanzaro;
  10. Ernesto Lento di Lamezia;
  11. Giuseppe Minieri di Catanzaro;
  12. Mario Minieri di Catanzaro;
  13. Saverio Minieri di Catanzaro;
  14. Daniele Nisticò di Catanzaro;
  15. Vincenzo Papalia di Rosarno;
  16. Giovanni Passafaro di Maida;
  17. Giuseppe Passafaro di Borgia;
  18. Francesco Pungitore di Curinga;
  19. Domenico Rosariano di Catanzaro;
  20. Raffaele Rosignuolo, di Rende;
  21. Gioacchino Rutigliano di Curinga;
  22. Ilario Serianni di Catanzaro;
  23. Rosario Sessa, di San Lucido;
  24. Andrea Talarico di Maida;
  25. Rosario Talarico, di San Pietro Apostolo;
  26. Vincenzo Ruggero Talarico di Lamezia;
  27. Francesco Trapasso di Gimigliano;
  28. Giuseppe Donatello Valentino di Caraffa;
  29. Antonietta Vescio Campisano, detta Antonella di Lamezia.

E poi la “Bova Costruzioni srl”, “G&D Ecologica Spa”, “Minieri Holding Srl”, “Minieri King Elettrica srl” e la “Minieri Ecologistica srl”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x