Ultimo aggiornamento alle 9:31
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Il fatto

Sale la paura ad Amantea, bruciati due mezzi di un esponente della giunta comunale

Un furgone e un’auto del delegato al Turismo, Salvatore Campanella, sono andati distrutti dalle fiamme. Sulla vicenda aperta inchiesta della Procura

Pubblicato il: 18/05/2024 – 10:36
di Roberto De Santo
Sale la paura ad Amantea, bruciati due mezzi di un esponente della giunta comunale

AMANTEA Grave atto intimidatorio nella notte contro un esponente di spicco dell’amministrazione comunale di Amantea. Due mezzi di proprietà della ditta di Salvatore Campanella sono andati distrutti in un incendio appiccato da malviventi. Si tratta di una Fiat Punto e di un furgone con merce della ditta di architettura d’interni di cui è titolare il consigliere comunale con delega al Turismo ed ai Grandi eventi. I mezzi erano parcheggiati in via Dogana nei pressi dello studio dove Campanella lavora quando attorno alle 2 del mattino tra venerdì e sabato sono stati avvolti dalle fiamme.
A lanciare l’allarme alcuni vicini che accortisi dell’inferno di fuoco e fiamme sprigionati dai mezzi hanno segnalato l’episodio. Sul posto sono prontamente arrivati i carabinieri della locale stazione e i vigili del fuoco del Comando di Paola. Ma i mezzi sono andati completamente distrutti, i vigili non hanno potuto far altro che mettere in sicurezza la zona ed evitare le fiamme si propagassero.
Sul movente dell’attentato incendiario non ci sono allo stato certezze. Secondo gli inquirenti certamente la causa del rogo non può essere ascritta all’autocombustione e dunque stanno procedendo sull’ipotesi dell’incendio doloso.
I militari, delegati dalla Procura di Paola che ha aperto un fascicolo su quanto avvenuto, hanno avviato le indagini. Sono stati ascoltati alcuni testimoni, ma non potranno contare sulle immagini di alcuna telecamera visto cha la zona non è coperta da servizi di video sorveglianza.
L’episodio innalza il livello di attenzione su Amantea che già recentemente è stata teatro di altri eventi criminali, tra cui il tentativo di incendio della vettura dell’ex sindaco Monica Sabatino. L’atto che non può che non considerarsi intimidatorio, infatti, colpisce un esponete importante dell’amministrazione comunale di Amantea. Campanella, infatti è uno degli animatori del gruppo Urban Hub da cui poi è nato il progetto politico risultato vincitore alle ultime competizioni comunali.
Per la sua attività è stato indicato a rivestire alcuni ruoli strategici per la cittadina a vocazione turistica, infatti Campanella detiene due pesanti deleghe per rilanciare lo sviluppo della città. Inoltre è uno stimato professionista impegnato in lavori anche fuori regione. Per questo gli inquirenti sono al lavoro per comprendere se quella che appare a tutti gli effetti un’azione di intimidazione sia legata alla sua attività professionale o alle sue mansioni all’interno dell’amministrazione comunale di Amantea.

Il sindaco Vincenzo Pellegrino: «Contiamo sulle forze dell’ordine»

«Durante la scorsa notte un incendio di vaste proporzioni ha distrutto l’auto personale e un furgone carico di merce dell’azienda in capo all’architetto Salvatore Campanella, consigliere comunale di maggioranza e delegato al turismo e ai grandi eventi. Non abbiamo informazioni definitive sulla natura dell’incendio, ma gli indizi a nostra disposizione ci fanno pensare si tratti di un atto doloso. Se tutto questo si dovesse definitivamente accertare, si tratterebbe di un atto intimidatorio gravissimo, che mira a colpire un professionista ed un amministratore integerrimo. Il consigliere Campanella, in meno di due anni di attività, ha messo in campo energie e passione per realizzare, nonostante la complessa situazione economica e finanziaria dell’ente, certificata dalla ereditata e pesante condizione di dissesto, una stagione di rinascita e di promozione della nostra città , raggiungendo tutti gli obiettivi prefissati dal programma elettorale.
Sia chiaro, questa amministrazione prende le mosse da una convinzione radicata, severa e non negoziabile, che guarda in primis al rispetto ed al ripristino della legalità. L’obbedienza incondizionata alle leggi è vincolo necessario per affermare la libertà individuale e compiere l’esercizio democratico. Il consigliere Campanella non è e non sarà mai solo. Assieme a lui c’è l’intera amministrazione comunale e il sindaco della città, che condannano con forza il verosimile e ignobile atto di violenza ai suoi danni. Siamo certi che le forze dell’ordine, che sosteniamo con grande convinzione e con le quali c’è una continua e proficua collaborazione dall’inizio della consiliatura, sapranno individuare e assicurare alla giustizia, sotto il coordinamento dell’autorità giudiziaria, gli autori del gravissimo gesto, i quali con la loro vigliacca e violenta azione ai danni di un uomo delle istituzioni provano a minare non solo il percorso di normalizzazione e sviluppo di Amantea, che stiamo portando avanti tra mille difficoltà, ma anche la serenità della nostra città, che è culla di civiltà e democrazia. Sappiano i protagonisti dell’inqualificabile atto di questa notte che nessuno di noi farà mai un passo indietro e che l’eventuale intimidazione a Salvatore Campanella rafforzerà e aumenterà il presidio democratico dell’amministrazione comunale e il costante controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine». (r.desanto@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x