Ultimo aggiornamento alle 13:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Pestaggio di Davide Ferrerio, condannata a otto anni la presunta mandante Anna Perugino

La decisione del Tribunale di Crotone per l’aggressione al giovane. Il legale della famiglia: «Offeso dalla sentenza»

Pubblicato il: 22/05/2024 – 17:30
Pestaggio di Davide Ferrerio, condannata a otto anni la presunta mandante Anna Perugino

CROTONE È stata condannata a otto anni di reclusione Anna Perugino la donna ritenuta l‘istigatrice dell’aggressione di Davide Ferrerio, il giovane di 22 anni, di Bologna, ridotto in fin di vita l’11 agosto del 2022 nel centro di Crotone dove era in vacanza, da Nicolò Passalacqua, condannato in abbreviato a 20 anni di carcere. La sentenza del Tribunale di Crotone, letta dal presidente del collegio penale Edoardo D’Ambrosio, non ha accolto la richiesta del pm Pasquale Festa di condanna a 12 anni per concorso anomalo in tentato omicidio, ma ha riqualificato il reato in concorso anomalo in lesioni gravissime. Una decisione che avrà ripercussioni anche nel processo di Appello per Nicolò Passalacqua che è in corso a Catanzaro. Assolto invece il coimputato Andrei Gaiu, per non aver commesso il fatto.

La riqualificazione del reato

Il collegio penale ha tenuto in considerazione la consulenza del perito del Tribunale nella quale si sosteneva che non era stato il pugno inferto da Passalacqua a causare il danno cerebrale a Davide Ferrerio ma l’impatto sull’asfalto. Da qui, come anche sostenuto dal difensore della donna, l’avvocato Aldo Truncé, la riqualificazione del reato. Davide Ferrerio rimase stato vittima del brutale pestaggio per uno scambio di persona in seguito ad una spedizione punitiva che aveva come obiettivo un uomo che infastidiva sui social la figlia della Perugino. Spedizione organizzata secondo la tesi dell’accusa dalla stessa donna che si avvalse anche del compagno Andrei Gaiu il quale quella sera faceva parte del gruppo che doveva andare ad incontrare l’uomo che su instagram faceva la corte a Martina Perugino (all’epoca minorenne) per la quale è stata disposto la messa alla prova ai servizi sociali per 2 anni e 6 mesi. Davide Ferrerio che passava casualmente in quella zona venne scambiato per lo spasimante e aggredito da Passalacqua. Il giovane bolognese è in coma irreversibile all’ospedale di Bologna. Il Tribunale ha rigettato la richiesta di risarcimento del danno del Comune di Bologna e riconosciuto quello per le altre parti civili in separata sede. Perugini è stata condannata al pagamento di una provvisionale di 500 mila euro per Davide Ferrerio e di 150 mila euro per i familiari del ragazzo, di 10 mila euro per Comune e Provincia di Crotone.

«Offeso dalla sentenza»

«La vita strappata di un ragazzo viene pagata meno di altri reati meno allarmanti. Sono sconcertato, amareggiato e offeso da questa sentenza». Lo ha detto l’avvocato Gabriele Bordoni, legale della famiglia di Davide Ferrerio

Il Corriere della Calabria è anche su WhatsApp. Basta cliccare qui per iscriverti al canale ed essere sempre aggiornato

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x